Log in

A Milano ad aprile il campionato italiano di Monopoli: in 120 per il titolo

  • Scritto da Ca

Abbiamo già parlato dell'edizione limitata con dentro i soldi veri del mitico gioco in scatola del Monopoly. Ma tra vicolo Stretto e la stazione dei Treni questo gioco ha compiuto ottant'anni e li festeggia in Italia con un campionato nazionale che si terrà ad aprile a Milano. Prodotto in 47 lingue, diffuso in 114 Paesi e con oltre 350 milioni di scatole vendute, è diventato il gioco di contrattazione e simulazione imprenditoriale più famoso al mondo. Tanto che - fanno sapere dalla Hasbro - "ogni anno vengono stampate più banconote del Monopoly che quelle vere. Dalla prima partita al Monopoly sono state costruite oltre 6 miliardi di casette verdi e più di 2 miliardi di alberghi rossi".

Nel 1998 il gioielliere Sidney Mobell ne ha realizzato la versione più preziosa al mondo: un Monopoly tutto d'oro e pietre preziose dal valore di 2 milioni di euro. La data ufficiale in cui tutto il mondo festeggerà il gioco creato da Charles Darrow è il 19 marzo, giorno in cui la Parker Brothers - era il 1935 - cominciò a commercializzarlo in tutto il mondo. In Italia il momento clou arriverà invece il 25 e 26 aprile, a Milano, con il campionato italiano di Monopoly. Le qualificazioni regionali del 2014 hanno già selezionato i 120 giocatori più bravi d'Italia, che "fra un'asta e un lancio di dadi" si sfideranno per conquistare il titolo nazionale e partecipare poi al campionato del mondo.

La scelta del capoluogo lombardo probabilmente non è casuale. I nomi delle strade di Monopoli, per la prima edizione tricolore, erano proprio quelli della Milano dell'epoca, tranne vicolo Stretto e vicolo Corto. Emilio Ceretti, della Editrice Giochi, prese liberamente spunto dalla toponomastica milanese e trasformò il nome del gioco in Monopoli, sostituendo la ypsilon, visto che in epoca fascista erano banditi gli inglesismi. L'edizione per l'ottantesimo anniversario - assicurano da Hasbro, leader mondiale dei giochi in scatola - è "una vera chicca da non farsi scappare, soprattutto per gli appassionati della prima ora o per i collezionisti".

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.