Log in

Ippica, tante corse nel fine settimana: tutti i risultati

  • Scritto da Redazione

Tante le corse del fine settimana che hanno popolato gli ippodromi italiani. Ecco i resoconti di tutte le gare.

 

 

Ricche corse ippiche negli ippodromi italiani da Nord a Sud. Caratteriale si, ma con grandissime potenzialità. E’ Samitri a salire sul carro dei vincitori nel convegno che ha inaugurato una nuova stagione galoppistica all’ippodromo del Mediterraneo. Lontano dalla pista siracusana dal 1 Febbraio, l’allievo di Vincenzo Caruso, rientra e centra il bersaglio nel Premio Maio, condizionata riservata a cavalli anziani al confronto sui 1800 metri della pista sabbia. In sella Giuseppe Manuele, autore di una brillante prestazione, che, ai 150 metri dal traguardo, prende prepotentemente il comando della gara. Lascia in lotta serrata per il posto d’onore Difenditi e Forex, condotti rispettivamente da Carmelo Zappulla e Daniele Scalora. E’ difficile separare i due, che arrivano vicinissimi sul palo, ma dopo un’attenta analisi dei giudici di gara, viene assegnato l’argento alla femmina di Stefano Postiglione. Dedree del Domm, trova il successo a Siracusa. Sua la sigla del Premio Fogo, handicap discendente abbinato all’ ippica nazionale. In regia Giuseppe Bologna, a segno già ad apertura convegno con Grey Arrow, che, seppur ai metri conclusivi appesantisca un po’ l’azione, riesce a mantenere quel margine di vantaggio per andare facile al traguardo. Il secondo e il terzo posto del podio, quindi , vengono occupati da Sastoreddu e Viaggio in Oriente.

CESENA - Intrigante serata all’ippodromo del Savio con i cavalli ed i ciclisti uniti in un riuscito connubio che ha visto i bikers sfidarsi in pista con partenza dietro l’autostart e i quadrupedi imitarne le gesta con schema analogo alle prove in velodromo, il tutto davanti a tanto pubblico incuriosito dalle tante novità proposte. Il primo hurrah di serata è stato siglato da Taitù Laser e Michela Rossi, binomio già in vista qualche tempo fa a Bologna ed oggi preminente in 1.16.5 dopo accorta tattica d’avanguardia sui favoriti Tiffany Effe e Teilwo, poi, alla seconda, eccellenti cadetti impegnati sulla breve, con un serrato arrivo a fruste alzate tra Soleado e Sweetmovie Laumar, giunti simultaneamente sul palo in un notevole 1.15.4 e con il fotofinish a premiare Soleado di un baffo sull’avversaria; Scia Dei Venti ha approfittato dello svarione di Shakira di Pippo in zona off limit, per aggiudicarsi il terzo posto. Riflettori sugli anziani alla terza corsa, due giri da percorrere per i nove concorrenti con il betting diviso tra Rigel Hurricane e Rimica di Azzurra e la pista a decretare la superiorità di Rigel nonostante svolgimento tattico avverso, mentre Red Alter ha soffiato la piazza d’onore alla positiva Rimica, terza non senza recriminazioni, il tutto in 1.15.4 figlio di un velocissimo quarto iniziale e di un altrettanto violento rallentamento nelle fasi intermedie della contesa. Alla quarta bella vittoria dopo percorso di testa per To Day Kurskdipi e Fabrizio Ciulla, mentre il favorito Tyrone Di Pippo si è dovuto adeguare secondo salvandosi di misura dal ficcante finale di Trento Guasimo. Il gemellaggio tra bici e cavalli si è concretizzato con l’emozionante quinta corsa, distanza inedita, 3200 metri, schema innovativo e vittoria dello scattista Masurin Jet, con un Andrea Vitagliano preciso quanto scaltro interprete. Al secondo posto, davvero di un amen è giunto il favorito Powder Fi e al terzo Poiana Grif. Alla sesta, giallo in arrivo per l’inattesa quanto disastrosa rottura sofferta da Renilkam ed il successo dopo gara di testa per Repetita Rl, e Mimmo Zanca. Bel primo piano di Tyler di Pippo alla settima corsa “Premio Campionato Italiano MTB su pista”, la prova a maggior dotazione del sabato che l’allievo di Alessandro Gocciadoro ha risolto allo sprint battendo in 1.15.6 Tale Inno, dopo esserne stato respinto in avvio e averne seguito le mosse per i due giri di pista. In chiusura, tentativo di fuga per Tiratoio Cla che è stato apparigliato e battuto di misura dalla progredita Tipika D’Aghi mentre Turandot è terza non discosta.
MONTECATINI - Santiago D’Ete, guidato da Roberto Andreghetti, ha vinto il Gran Premio Nello Bellei, corsa di Gruppo 2 disputata ieri sera all’ippodromo Sesana di Montecatini Terme, riservata a trottatori di quattro anni e dedicata alla memoria del grande e indimenticato driver toscano. La vittoria è frutto di una condotta di gara tatticamente perfetta da parte del driver Andreghetti: davanti a oltre 4.000 spettatori Santiago D’Ete, partito in modo ottimale, ha contrastato per i primi 200 metri Smeralda Jet, l’altra principale favorita della Gran Premio Nello Bellei, con l’obiettivo di conquistare subito la testa della corsa, posizione che poteva rivelarsi determinante per la vittoria.
Nei primi centro metri di confronto Smeralda Jet, femmina guidata da Antonio Di Nardo, è sembrata prevalere, poi lungo la prima curva del tracciato Santiago D’Ete è riuscito a portarsi alla guida del gruppo. Dopo questo avvio a razzo, Andreghetti ha iniziato a contenere il suo cavallo, tenendosi alle spalle Smeralda Jet e Saba del Ronco. A circa metà corsa ha iniziato a risalire dalle retrovie Saphire Bi, che è riuscito a recuperare quasi tutte le posizioni sino a piazzarsi al fianco di Santiago D’Ete. Gli ultimi 800 metri sono stati percorsi con accelerazione graduale: Santiago D’Ete è stato condotto da Andreghetti in modo da proseguire nel contenimento di Smeralda Jet; Saphire Bi ha accusato stanchezza e al momento della retta d’arrivo ha ceduto terreno, quando Santiago D’Ete ha piazzato lo sprint decisivo. Santiago D’Ete si è avviato vincente verso l’arrivo, Smeralda Jet ha provato un attacco finale che però non ha permesso di andare oltre il il secondo posto, al terzo si è piazzato Saba Del Ronco che riuscito a superare un sempre più stanco Saphire Bi. I cronometri hanno fissato il tempo del vincitore in 1.13.4 al chilometro stabilendo anche il record della pista dell’Ippodromo Sesana sui i 2.000 metri: per Santiago D’Ete si tratta della nona vittoria in carriera su 29 corse disputate, oltre a 12 piazzamenti. Presenti alla premiazione, oltre al figlio di Nello Bellei, Enrico (che ha vinto tre delle nove corse della serata), la figlia Rossella e i nipoti Emily e Samuel. Presenti anche il Vicario della Questura di Pistoia, Dr. Andrea Salmeri, e il comandante della Compagnia Carabinieri di Montecatini Terme, Capitano Enrico Vellucci. La finalista di Miss Montecatini, Jasmine Della Chiara, è stata la madrina del Premio Sansovino, corsa riservata ai gentleman driver e vinta da Matteo ZAccherini. Ultima corsa in programma il Trofeo Nello Bellei, cui hanno partecipato i driver vincitori delle prime cinque corse della serata, assegnati per sorteggio agli altrettanti cavalli partecipanti: ha vinto Reebok Allez guidato da Alessio Vannucci. Subito dopo uno spettacolare show di fuochi pirotecnici ha concluso la serata accompagnata da bomboloni alla crema ed al cioccolato gratis per tutti oltre alle tantissime iniziative di intrattenimento per il numeroso pubblico che ha ancora una volta preferito l’Ippodromo Sesana di Montecatini Terme. Le corse in notturna proseguiranno sino a sabato 5 settembre – serata che prevede anche la Disfida dei Castelli e dei Comuni, rievocazione storica medievale in occasione dei 700 anni dalla Battaglia di Montecatini – per poi proseguire in pomeridiana, sempre nei giorni di giovedì e sabato nel mese di settembre.
MERANO - Due i motivi dell’ottava giornata all’ippodromo di Merano: il Palio del Burgraviato, vinto dal Comune di Naturno, e dal punto di vista tecnico il Richard che ha premiato Solar Focus dopo intervento dei commissari.
Partiamo da quest’ultimo: Solar (Bartos in sella, Favero al training e Magog per colori) è stato autore di un finale da cinema, ma davanti a tutti era finito Tramonto a Ivry. Punito dai giudici per una deviazione dopo l’ultima siepe, nella traiettoria dove avrebbe provato a passare Company of Ring. Solar Focus è arrivato all’esterno di tutti come un fulmine, secondo al traguardo ma primo dopo la sentenza. Comany secondo. Tramonto retrocesso alla terza piazza.
Il terzo Palio del Burgraviato, in una domenica ancora una volta esaltata da un’ottima affluenza di pubblico e dagli applausi dagli spalti, è stato appannaggio del Comune di Naturno, che dopo aver superato le eliminatorie nelle corse per purosangue grazie al successo di Noble Champion nella terza batteria, ha staccato tutti nella finale con i cavalli avelignesi vestendo l’amazzone Maria Wallnöfer su Pepita. Secondo il Comune di Caines con Mira-Bell e Margherita Dalla Pietra, terzo Tirolo con Rita Zöggeler e Ilona.
Ora fari puntati su domenica 6 settembre, per il Premio Assi ex Unire test sulla strada del Gran Premio e il Tagliabue per i migliori saltatori di 3 anni.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.