Log in

Ippica: ecco i risultati delle corse del week end

  • Scritto da Redazione

I risultati delle corse ippiche negli ippodromi di San Siro, Merano, Bologna e Siracusa.

 

Il purosangue di quattro anni Dylan Mouth ha dominato e vinto all’ippodromo di San Siro a Milano, il Premio Federico Tesio, corsa di Gruppo 2 che ‘apre’ la stagione dei grandi appuntamenti dell’autunno 2015 del galoppo Milanese. Montato dal fantino Fabio Branca, Dylan Mouth ha percorso la prima parte del tracciato all’interno del gruppo, lasciando al compagno di scuderia Celticus il compito di fare l’andatura. A inizio dirittura il campione della Effevi ha raggiunto rapidamente i cavalli nelle prime posizioni, qualche secondo di attesa e poi l’attacco definitivo che ha lasciato dietro i principali avversari Bertinoro e Cleo Fan, che concluderanno poi al secondo e al terzo posto. Una volta in testa, Dylan Mouth ha guadagnato un metro dopo l’altro di vantaggio, nei cinquanta metri finali il fantino Fabio Branca ha capito che non c’era più storia e che il suo cavallo era ormai imprendibile: ha lasciato che Dylan rallentasse l’andatura e si è alzato in piedi sulle staffe molto prima del traguardo, tagliato sotto gli applausi del pubblico.

 

“Con questo cavallo c’è poco da fare, non occorre inventarsi nulla”, dichiara Fabio Branca poco dopo l’arrivo, "Basta lasciarlo andare e tenersi forte". Dylan Mouth ha confermato la sua imbattibilità nelle dieci corse disputate in Italia (compreso il Gp Milano di quest’anno) e ipoteca un altro, storico bis se punterà al Gran Premio del Jockey Club, già vinto nel 2014; l’edizione 2015 è in programma il prossimo 18 ottobre.
Il trofeo del Premio Tesio è stato consegnato a Felice Villa, proprietario della scuderia Effevi, da Gabriele Del Torchio, presidente delle società Snai e Trenno, che gestisce gli ippodromi milanesi del galoppo e del trotto, mentre il fantino Fabio Branca è stato premiato da Stefano Marzullo, amministratore delegato di Trenno.
Si sono disputate altre sei corse, comprese due importanti listed race: il Premio Coolmore, che ha visto il successo di un’altra portacolori della scuderia Effevi, la femmina di tre anni Dry Your Eyes, e il Premio Cancelli, vinto dal tedesco Gamgoom. Il grande galoppo tornerà all’ippodromo di San Siro già domenica 27 settembre con il Premio Vittorio di Capua, corsa di Gruppo 1 sui 1.600 metri per purosangue di tre anni e oltre.
 
MERANO - Sbarazzino e Alcydon Fan sulla copertina della domenica di Maia, e assieme a loro la merita Lena Mattuzzi, amazzone che alla sua seconda corsa ha centrato il primo successo.
Il tema dei 3 saltatori anni, impegnati nel Premio Rotary, era il più intrigante del pomeriggio. Sbarazzino (Columbu in sella per la regia di Contu e i colori della scuderia Milano) era il più atteso e ha confermato le aspettative: l’unico in grado di agganciare la fuggitiva Cortefranca, sfilata in retta con convinzione. Gli altri, a partire da Kandhamal e Misterium (ritirati invece Azamourday e Vespro Place) si sono dovuti accontentare dei piazzamenti di rincalzo, incapaci di raggiungere Cortefranca ancora reattiva dopo percorso dispendioso.
Sullo steeple, Premio Loccatelli, Vana alle redini di Alcydon Fan ha aspettato fino all’ultimo prima di sferrare l’attacco, decisivo e vincente, su Monello, gli altri dietro a guardare.
Il debutto di Swilken in siepi, Premio OW Lana per 4 anni, che sembrava compiersi in passerella da fenomeno s’è frantumato invece sull’ultimo salto, con Derwin sbalzato a terra, mentre era avanti di una vita rispetto al resto della compagnia. Ha colto l’occasione Nelly Darrier(Cherchi), mentre l’atteso Pacchianillo ha confermato la sua ritrosia nel rispondere ai comandi con Bartos che ha deciso di fermarlo.
Nel cross facile affermazione di Well Dressed (Pastuszka), in piano il sopra accennato urrà di Lena Mattuzzi con Apelle Fan, di Antonio Ferramosca su Atomic Law e di Davide Steinwandter in coppia con Desperados.
Ora fari puntati sul weekend del 76° Gran Premio Merano: due giornate di corse, 26 e 27 settembre, ospiti internazionali a partire dal top jockey irlandese Ruby Walsh e dal cavallo-leggenda Hurricane Fly che sfilerà prima della Gran Siepi (sabato 26), l’anteprima WineFestival nel parterre, il Carosello storico dei Carabinieri a celebrare la giornata di domenica.

BOLOGNA - Pathos alle stelle alla sfilata dei partecipanti al Continentale, con i migliori cadetti del panorama nazionale convenuti a Bologna per rendere memorabile l’edizione 2015 di una prova dall’Albo D’Oro ricco di stelle di prima grandezza. Betting assai incerto, con il facoltoso. Brillantissime assai seguito unitamente a Smeralda Jet e Hillustrious, mentre Vanity Matters trovava ampio risalto in qualità di possibile piazzata. Partenza al fulmicotone, lotta incerta e leadership per Brillantissime nei confronti di Hillustrious che però sciupava una eccellente collocazione tattica con una irrimediabile rottura che favoriva l’inserimento alla corda di Smeralda Jet , alle cui spalle Santiago D’Ete si incuneava superando Savannah Bi. Ritmo intenso, parziali mozzafiato e il leader sempre tonico ai comandi di Pierre Vercruysse, Smeralda alle spalle con un attento Antonio di Nardo mentre ci provavano al largo senza grossi risultati Savannah Bi e Vanity Matters. Gli ultimi metri di gara si trasformavano in una passerella per il duo francese, mai insidiati dalla diligente Smeralda Jet alle cui spalle giungeva Santiago D’Ete, con il ragguaglio di 1.13.0 a proiettare l’edizione odierna ai vertici cronometri all time.

Prova interessante per le campionesse impegnate nel GP Continentale Filly, prova alquanto incerta che sembrava in cassaforte dopo lo scatto all’avanguardia di Sharon Gar, leader orchestrata da Pietro Gubellini alle cui spalle si sistemava la rientrante Saikala a precedere Sundance Bi, mentre le altre cercavano gloria al largo senza grossi risultati.

Sulla curva finale, Sharon subiva un lento quanto inesorabile calo d’energie ed al suo esterno scattavano Saikala e Sundance Bi ed era quest’ultima a prevalere riportando in copertina la connection Minnucci e Romanelli per la gioia della teutonica Sabine Jackson, il tutto in un significativo 1.13.1 che accomunava la vincitrice alle sue avversarie mentre Salomè Bar giungeva al quarto posto non lontana dalle coetanee.

 

LE ALTRE CORSE - Tre anni impegnati in un miglio dallo stringato quanto qualitativo cast e vittoria per Triska Cagemar che in 1.14.9 e con lo svedese Bjorn Goop alle redini ha facilmente disposto di Trafalgar Wise Ag e Tosetta Spritz, il primo sempre allo steccato sin dal via, la seconda autrice di ficcante parziale conclusivo dalle posizioni retrostanti e poi, alla seconda, round d’approccio del challenge dedicato a Vincenzo Gasparetto, e vittoria senza discussioni per Potenza Om, giumenta cara alla tribuna felsinea che Pietro Gubellini ha accompagnato ad un facile assunto in 1.13.3 su Rythmn Blues e Procella Marina, con Disco Ae a conquistare il pass residuo per l’accesso in finale, mentre poco dopo, una labile Nonant Le Pin si è dovuta accontentare della piazza d’onore, battuta in 1.14.5 da Oncle Photo Vl, mentre Rejna Inn Ronco ha chiuso al terzo posto su Rugiada Sms. In attesa della parte migliore del pomeriggio sono scesi in pista i due anni in una sorta di esame di maturità dopo i primi scorci di carriera, in cinque dopo due ritiri in mattinata, le giovani speranze hanno offerta prova contraddittoria gravata dall’errore della contro favorita Uranie Kyu Bar e del facile coast to coast inscenato da United Roc e Michela Racca, leader intangibili sin dal via e facili vincitori al ragguaglio di 1.17.3 ottenuto con ampio margine sul carneade Up in The Air e su Ulisse Ll. Bravi anziani nel Premio Rag. Emilio Fregni, con facile assunto degli ospiti toscani Navacoss e Edoardo Baldi, in testa sin dalla giravolta e poi in passerella davanti a Rea Valm e Ortensia Pit, la migliore tra i penalizzati. Ancora emozioni nella finale del Memorial Vincenzo Gasparetto con Oncle Photo Vl e Federico Esposito a ribadire feeling con l’anello felsineo e dominare in 1.13.1 davanti ai compagni di training Disco Ae e Andreghetti, mentre la dominatrice della prima manche, Potenza Om, è giunta al terzo posto.

 
SIRACUSA - Un ‘Rayos de Sol’ continua a brillare al Mediterraneo. In lotta serrata con il coriaceo Ashiky, riesce a imporsi nel Premio Endo, condizionata che, sui 1500 metri della pista piccola, ha impegnato soggetti di tre anni e oltre. Comet Grey dopo aver imposto, invece, una tosta andatura alla gara, ha dovuto accontentarsi solo della terza moneta. Ispiratissimo il team Guerrieri- Restuccia che, dopo la bella affermazione con lo stesso Rayos de Sol, centra il bersaglio anche nella reclamare per giovanissimi, terza prova del convegno di oggi all’ Ippodromo del Mediterraneo. Merito di Anfiarao, che esce da vincitore dal duello ingaggiato con Madame Mascara e si aggiudica il Premio Karamazov. Buon debutto per Drill Bitt, che conquista la terza moneta. Disappear, protagonista di una grande progressione, strappa al convincente Meltino il Premio Mile, sottocloù del palinsesto. Attesa, per qualità e condizione La Chica Sensual, conclude la terna occupando il terzo gradino del podio.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.