Log in

Ippica, a La Maura Pacha Dei Greppi domina il Gran Premio Encat

  • Scritto da Redazione GiocoNews

Domenica di grande ippica a La Maura di Milano con oltre mille spettatori per la prima corsa di Gruppo al trotto del 2016:  il Gran Premio Encat.

 

 

 

Pacha Dei Greppi, trottatore di sette anni della scuderia Nicola Del Rosso, ha vinto il Gran Premio Encat di trotto, prima corsa di Gruppo della stagione 2016. Era dal 2011 che questa corsa, una 'classica' del trotto italiano che ha visto la sua prima edizione nel 1930, non si disputava a Milano: dopo gli anni d’assenza forzata, il rientro nel capoluogo meneghino ha visto al via 13 cavalli di cinque anni e oltre d’età, con diversi pretendenti alla vittoria.

 

Tutto si è però deciso sin dall’avvio, con uno stacco perentorio di Pacha Dei Greppi che si è portato subito in testa e ha costretto gli avversari ad abbandonare ogni tattica per cercare di recuperare la prima posizione. Tentativi vani perché Pacha Dei Greppi ha imposto un vero e proprio strapotere, tanto da concludere la retta d’arrivo staccando gli inseguitori, accompagnato dall’applauso degli oltre mille spettatori presenti oggi a La Maura trotto. Dopo aver vinto il Premio Duomo di Firenze e aver ottenuto un terzo posto nel Galà del Trotto, Pacha Dei Greppi – che oggi per la prima volta era guidato da Roberto Vecchione – ha confermato il netto miglioramento nel suo rendimento in pista, grazie anche al nuovo allenatore Holger Ehlert.


Molto buono il tempo al traguardo, con ragguaglio cronometrico al chilometro in 1’12”7, e ultimi 800 metri percorsi in 59”7. Secondo posto per Pleasure Kronos, guidato da Santo Mollo, e terza Radice Del Nord, con Lucio Becchetti in sulky e che ha recuperato posizioni nella fase finale della corsa.
 
Delusione per Stankovic Ok, terminato lontano dai primi posti, e per Sceicco, uscito subito di scena per rottura dell’andatura e passaggio al galoppo.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.