Log in

Ippica, San Siro: Little Bruv fa suo il Grande Steeple Chase

  • Scritto da Redazione

Oltre 5mila spettatori per la domenica dell'ippica a San Siro, Little Bruv si aggiudica il il Grande Steeple Chase di Milano.

 

Little Bruv, baio di cinque anni della scuderia D’Altemps, ha vinto domenica a San Siro galoppo il Grande Steeple Chase di Milano, corsa ad ostacoli di Gruppo 1, trofeo 'Celebrating the Champions League Final Milan 2016'. Battuto il favorito, il tedesco Kazzio, grazie a una tattica impeccabile che ha permesso a Little Bruv di non sbagliare nulla nei 5.000 metri di percorso.

Corsa spettacolare, come da attese, accesa sin da subito da una fuga in avanti di Ara Gold, maschio grigio di otto anni, che è però caduto senza alcuna conseguenza al temuto Oxer Grande, uno degli ostacoli più difficili di tutto il percorso. Anche Kazzio ha superato l’ostacolo con quale incertezza e allora il suo fantino, Cevin Chan, ha deciso di rompere gli indugi e assumere l’iniziativa. Qualche sbavatura si è però vista anche nei salti successivi e quando nella piegata conclusiva il tedesco ha compiuto un leggero allargamento nella traiettoria, è stato infilato da Little Bruv, con Josef Bartos in sella, che ha preso un vantaggio decisivo prima dell’ultimo salto. Inutile il disperato tentativo di recupero di Kazzio, che ha terminato dietro di una mezza lunghezza, mentre per il terzo posto Billy Silver è riuscito a respingere di misura Soros.

 

Adrenalina a mille anche nella Corsa Siepi dei Quattro Anni – Trofeo Gazzetta dello Sport, corsa di Gruppo 2, con Cevin Chan che si è preso una sorta di rivincita portando alla vittoria il tedesco Staffettino, al termine di una dirittura percorsa testa a testa con gli altri due attesi protagonisti della vigilia, Noisemaker e Keen Move, giunti in quest’ordine al palo d’arrivo. La battistrada, in questo caso, è stata Azamourday che come suo solito ha preso il comando della corsa da subito, tallonata proprio da Noisemaler e Keen Move. Stafettino è rimasto nelle retrovie fino ai 400 metri finali, quando Azamourday ha ceduto il passo agli inseguitori il tedesco si è fatto sotto e ha 'bruciato' tutti in un’appassionante dirittura finale. Stafettino, di proprietà della Stall Svenja e allenato da Pavel Vovcenko, aveva già mostrato le sue qualità a San Siro lo scorso 9 aprile, arrivando secondo dietro ad Azamourday, destando buone sensazioni: qualcosa da recriminare da parte di Noisemaker, piuttosto ardente lungo il percorso e non proprio impeccabile nell’ultimo salto.
Oltre 5.000 gli spettatori, che hanno avuto l’opportunità di ammirare da vicino il trofeo della Champions League, assegnato il prossimo 28 maggio allo stadio Meazza: tra di loro anche l’attaccante dell’Inter Rodrigo Palacio, che ha accompagnato prima della corsa Tramonto a Ivry, vincitore del Premio Martesana – Trofeo Melià Hotels International.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.