Log in

Arcoveggio e San Rossore, riflettori accesi sulle corse di domenica

  • Scritto da Redazione

Fine settimana di corse a Bologna e Pisa con diversi appuntamenti negli ippodromi di Arcoveggio e San Rossore.

Domenica 6 novembre nel nome di Massimo Visco all’Arcoveggio, con il convegno riscaldato dalla tradizionale Sagra delle Caldarroste, mentre le corse sono dedicate al compianto driver scomparso dodici mesi orsono ed ai cavalli che ne hanno contrassegnato la carriera, svoltasi tra Emilia e Toscana. Un handicap sulla media distanza rappresenta il clou, con nove indigeni a contendersi la vittoria in un contesto equilibrato e privo di figure di secondo piano, con la suggestiva partecipazione di Pedro Almodovar, pupillo di Massimo Visco, oggi guidato dal fratello Maurizio e indicato tra i papabili al ruolo di protagonista, assieme ai più titolati tra gli ospiti in gara, i toscani Rossi Laser eRorò Buio, guidati rispettivamente da Edoardo Baldi e Gennaro Casillo, mentre Saphire Horse e Andrea Farolfi tornano in pista dopo il vittorioso inseguimento nel Palio dei Comuni dello scorso 23 ottobre.

Apertura alle 14.30 con il 'Mercatino Mamme-Cultura del Riuso' nel parterre e in pista sei puledri capeggiati al betting da Venere Degli Dei, una giovane proposta del team diretto da Holger Ehlert oggi guidata da Vincenzo Castiglia e preferita alla comunque valida Viginia Trio, con il trainer Mattia Orlando in sediolo e a Vitamar, inviata di Lorenzo Baldi sulla quale sale l’esperto Loris Farolfi, mentre alla seconda il testimone passerà ai gentleman e a tre anni dal discreto palmares con Urania Tab da seguire in chiave vittoria grazie all’ottima collocazione tattica e soprattutto alla guida di Michele Canali, senza peraltro trascurare la coppia Ugooo/Masetti e gli affiatati Ugarit Dei Greppi e Nicola Del Rosso.

Campo scarno ma significative individualità alla terza corsa, ancora la leva 2013 in gara e riflettori su Uma Laumar, allieva del trevigiano Walter Zanetti con il fido Andrea Farolfi alle redini, che avrà in Urania Vik e Casillo nonchè in Uxploit Wind e Castiglia, seri competitor in ottica vittoria, mentre alla quarta torneranno in pista i gentleman in un accattivante handicap che Tosca Effe e Zaccherini si giocheranno all’avanguardia sui penalizzati Tiberio Alex e Typhoon Gar, pedine dalle notevole chance per il giovane toscano Nicolò Orsini e per l’ospite campano Mario Iaccarino.

Cronometri bollenti alla quinta corsa, dove sei esponenti della leva 2012 si sfideranno sul miglio con Tarantella Ferm probabile battistrada sotto l’egida tattica di Manuele Matteini, in alternativa, le due inviate dalla terra Medici, Tarita Del Sile e Teodora Lans, la prima guidata dal trainer Gennaro Casillo, la seconda improvvisata da Beppe Lombardo Jr.

Alla settima Saga dei Venti ed ancora Matteini in evidenza su Paola Fks e Andrea Farolfi, mentre alla ottava Special Show pare in grado di portare vittoriosamente a termine la sua trasferta bolognese su Renoir Gar e Olimpo Trio.

SAN ROSSORE - Tutto è pronto per la stagione autunnale 2016 all'ippodromo pisano di San Rossore! La prima giornata si disputerà domenica 6 novembre con inizio alle 13.35.
La corsa più interessante è il premio Crapom, una maiden per i cavallo di 2 anni sui 1.200 metri. Holy Richard ha ben esordito a Roma e oggi potrebbe fare centro. Non partono battuti Rycus e Capitan Segreto. Poco efficace all’esordio Bond Girl, debutta Island Breeze.
Nel premio Capo Bon, handicap sui 1.500 metri, Titanic Blond nonostante il top weight può correre bene. Motivetto e Lexicon le alternative, Mythical Alfred la sorpresa.
Incertissimo il premio Celio, handicap sui 2.200 metri, con 10 cavalli al via nel quale potrebbe essere Penang Paparaja a sfruttare il vantaggio di peso.
Quest’anno una delle novità del programma, è la creazione di tre circuiti di corse, con una serie di batterie che danno accesso alle finali. Nel premio Torman, sui 1.200 metri, prima batteria del circuito “Velocisti” nel quale Sitapur, se tornato ai livelli primaverili dopo il recente rientro, potrebbe essere all’arrivo. London Life torna nel tema della velocità, Avisamos Grua è reduce da buona campagna fiorentina.
Il premio Orione, invece, è la prima batteria del circuito “Miler” e si disputa sui 1.500 metri. Mi Sueno è costante e in forma ma dovrà vedersela con Middle Grey, Rasalgheti e Up To The Moon che sembra avere sistemazione interessante.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.