Log in

Ippodromo Merano, sabato con la Corsa siepi e il Premio delle Nazioni

  • Scritto da Redazione

Sabato 23 settembre all'ippodromo di Merano appuntamento con la 63esima Corsa siepi e il 73esimo Premio delle Nazioni.

Saranno ben cinque le Nazioni (Italia Francia Repubblica Ceca Repubblica Slovacca e Germania) rappresentate nella 78° edizione del Gran Premio Merano Alto Adige in programma domenica 24 settembre, evento internazionale inserito in un meeting di corse dalle molteplici attrattive con un programma di contorno pensato per rendere la giornata di assoluto livello.

Proposta infatti per la prima volta sulla pista una esibizione di cammelli con tanto di jockette sulla dirittura della pista da corsa, si potranno inoltre ammirare a più riprese le evoluzioni del paracadutismo acrobatico. Cornice di lusso, ormai componente fissa della due giorni meranese, l'anteprima Merano Wine Festival con proposte eno-gastronomiche selezionate di qualità; e poi mondanità, musica ed il ritorno della Lotteria nella giornata del Gran Premio. Ospiti internazionali, le Istituzioni locali e nazionali, e appassionati da ogni dove, potranno vivere e condividere tutto questo nell'ultimo fine settimana di settembre.

 

La corsa si presenta molte ben confezionata e soprattutto incerta. Si ripresenta il vincitore dell'ultima edizione, il cavallo della Repubblica Ceca, Mazhilis che a differenza dello scorso anno, rientra tra i più papabili alla vittoria e quindi pronto a ripetere le gesta di Alpha Two, l'ultimo in ordine di tempo capace di ascriversi due volte consecutive l'ambito traguardo.
Da oltre confine però muove la cavalleria francese, che Monsieur Guillame Macaire ha selezionato appositamente per l'incursione. Baltiko Prince con l'ottimo James Reveley e Marinas con Bertrand Lestrade i nomi che già incutono se non paura, il massimo rispetto. Ma anche David Cottin, grande ex fantino da poco avviatosi alla carriera di allenatore, scende in direzione Merano portandoci Amour du Puy Noir affidato a Jonathan Plouganou e sarà della partita anche il supplementato Calisco de Kerser, di Patrice Quinton, trainer che da varie stagioni a messo tra gli obiettivi il metting più importante della nostra annata ostacolistica. Questo per dire che sarà complicato arginare i nostri cugini, ma come detto la corsa quest'anno non ci propone un favorito e quindi l'incertezza e la suspance si accentuano.
 
 
Da seguire con attenzione il giramondo Al Bustan il quale possiede curriculum internazionale, avendo già vinto in tre diversi Paesi. Ai successi primaverili in Polonia e Svezia ha fatto seguire due limpide vittorie sulla pista meranese, nei Premi Creme Anglaise e Assi. Saltatore eccezionale, si adatta molto bene alle distanze impegnative e forma con l’esperto fantino Jan Faltejsek una coppia ben affiatata che ne fanno uno dei più solidi aspiranti alla vittoria.
 
 
Come non rimarcare la chance di Broughton, il sette anni dell’agguerrito team Aichner/Vana, il quale rientra nella ristretta schiera degli steepler di punta del nostro parco ostacolistico. Cavallo qualitativo, si è ascritto in primavera il Grande Steeple Chase di Milano confermando statura e attitudine. La fiducia in lui riposta dal suo fantino Josef Vana ne inquadra le ambizioni, ben suffragate dalla positiva prestazione nel preparatorio Premio Creme Anglaise. Nessun problema di distanza gradirebbe un terreno morbido. Un altro rappresentante di scuderia italiana, Atalan, ha da subito dimostrato buona attitudine, perdendo in modo rocambolesco al debutto in ostacoli ma marcando ad ogni uscita costanti progressi, aggiudicandosi alla sua seconda sortita sullo steeple-chase il Premio Piero&Franco Richard. Gradisce la pista ed affronta per la prima volta la distanza, ma da requisito genealogico, è fratello di uno stayer a livello di corse di gruppo, non dovrebbe temere i 5.000 metri.
Questi appena citati, i cavalli più chiacchierati nelle ore di vigilia, col tedesco Faconettei che ritorna dodici mesi dopo la rocambolesca caduta dopo soli poche decine di metri nell'ultima edizione. Nos Galan, Alcydon Fan, Axel Lauteix e Home Please donano alla corsa ulteriori motivi di interesse in quella che riamane una delle prove più affascinanti del panorama ostacolistico europeo.
 
 
Per il sabato di vigilia già ufficializzati i campi partenti con una edizione davvero qualitativa della Gran Corsa Siepi di Merano giunta alla 63° edizione. Anche qui i francesi, con Taupin Rochelais, il grigio duplice vincitore a Waregem attrazione della corsa, puntano al traguardo di prestigio, misurati da un Chiaromonte ben mirato su questo Gruppo I e Champ de Battaile con nuovi colori e grandi ambizioni.
Spettacolare il 73° Premio delle Nazioni, corsa da anni entrata nel circuito della Crystal Cup, con ben 11 specialisti al via sulla severa distanza dei 6.000, la corsa dal metraggio più lungo in Italia. Il veterano Arman ben conosce la via per giungere a questo traguardo e contro il morello dei Vana ottimi specialisti francesi, cechi e polacchi e saltatori di scuderia italiana daranno vita allo spettacolo che richiama sulla tribuna alta gli appassionati desiderosi di gustarsi la corsa da una prospettiva visiva incomparabile. Per sabato allora sette corse con inizio alle ore 14.20 per l'ouverture del meeting del 78°Gran Premio.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.