Log in

10eLotto, 50 milioni di euro di premi a settimana

  • Scritto da Redazione

A tamburo battente il 10eLotto che miete successi per le molteplici possibilità di gioco e soprattutto per le numerosissime e spesso ingenti vincite assegnate. Con un risultato medio di assegnazione di vincite per circa 50 milioni di euro a settimana, il 10eLotto si conferma il gioco più ricco ma anche più democratico, perché a godere dei premi assegnati dal 10eLotto ci sono circa sette milioni e mezzo di italiani a settimana.

 

Solo nell’ultimo concorso di giovedì 8 maggio ci sono stati 2,2 milioni di fortunati giocatori che hanno vinto complessivamente un montepremi dell’importo di 14,3 milioni di euro.

 

I RITARDATARI LOTTO - Avanza compatto verso ritardi più consistenti il terzetto dei centenari che polarizza l’attenzione di numerosi giocatori. Sui tre super ritardatari del momento, solo nell’ultimo concorso, sono stati puntati 3,2 milioni di euro, di cui 2,2 solo sul leader, il 5 che manca sulla ruota di Palermo da 117 lunghissimi concorsi. Ottima visibilità anche per il 23 che ha raccolto preferenze per circa 700 mila euro, il 23 è il secondo ritardatario in classifica e non esce dall’urna capitolina da 110 estrazioni.

Chiude la rappresentanza dei ritardatari a tre cifre, il 69, terzo ritardatario assoluto che ha collezionato finora 103 assenze, neanche a farlo apposta, questo numero è anche il gregario del 5 sulla ruota di Palermo.

Il ritardatario più anziano estratto durante l’ultima estrazione, è il 27 della ruota di Genova che è tornato dopo 72 concorsi di assenza. 

 

LE VINCITE 2014 - Chissà in quanti giocatori del lotto hanno stappato bottiglie di Champagne in questo primo periodo del 2014? Sicuramente tanti perché solo nei primi 56 concorsi dell’anno, dai giochi del lotto e 10eLotto,  sono stati assegnati milioni e milioni di premi per un importo che ha già superato un miliardo e mezzo di euro.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.