Log in

VinciCasa realizza il sogno di Trilly: la storia della prima vincitrice

  • Scritto da Redazione

Si è presentata oggi negli uffici Sisal di Roma la fortunata ‘Trilly’, vincitrice della prima casa estratta a Roma presso il punto vendita Sisal Bar Tabacchi situato in P.le Flaminio – Staz. Roma Nord grazie a VinciCasa, la nuova formula di gioco della famiglia Win for Life del Gruppo Sisal. VinciCasa è il gioco, unico nel mercato delle lotterie, che mette in palio un premio incentrato su un bene concreto e tangibile dando ai consumatori la possibilità di vincere la casa dei propri sogni.

 

La cinquina vincente, con i numeri 19, 24, 36, 38, 40 ha cambiato la vita di una donna che ha sempre creduto con tenacia alla possibilità di un futuro migliore e non si è mai arresa di fronte alle difficoltà che, almeno per lei e per la sua cultura, sono parte della vita stessa.

 

IL SOGNO DI TRILLY - “Occorre lavorare duramente”, dichiara la donna, “per permettersi la serenità di stare la sera a casa, anche se distrutti dalla fatica, a godersi le coccole di un bimbo tra le braccia o di un marito che ti aiuta a cucinare la cena”. La casa è davvero sempre stato il suo grande sogno, quella che ha sempre pensato di costruire nel suo Paese d’origine e che oggi comprerà in Italia grazie a VinciCasa.

Donna di mezza età, vedova e con tre figli allevati da sola, addetta alla mensa in uno dei più famosi musei della capitale, si è risposata da 8 anni e vive serena le sue giornate scandite dagli impegni quotidiani: il treno, il lavoro, la famiglia. Ed è proprio mentre aspetta il treno per tornare a casa che Trilly decide di tentare la fortuna e incomincia a fantasticare sulla sua casa.

Decide di giocare, sceglie i numeri a caso affidandosi alla sorte, a quello stesso destino che certo non le aveva mai riservato tanta felicità ma che lei aveva saputo conquistare e migliorare giorno dopo giorno, con i colleghi e i familiari. Il giorno dopo, alle prime ore del mattino – la sua giornata inizia tutti i giorni alle 5 e termina alle 19.00 circa quando rientra a casa in un piccolo Comune alle porte di Roma - controlla su internet la vincita ma non ha con sé la schedina e non ricorda i numeri giocati. Poi passa in ricevitoria e ha la conferma della vincita. Controlla e ricontrolla all’infinito prima di chiamare entusiasta il marito. È festa grande per tutti, anche per i parenti dominicani che si commuovono alla notizia. Si era già informata su VinciCasa e aveva già giocato il mercoledì precedente. Voleva una casa, in Italia! Oggi non sa ancora dove e come sarà, avrà due anni per trovare quella che più le piace, dove vorrà, in tutta Italia. Il 20% dell’importo vinto le verrà corrisposto in denaro per qualsiasi utilizzo, l’80% sarà dedicato all’acquisto di uno o più immobili.

Forse la sua casa sarà grande per ospitare tutti i suoi parenti e cambiare il destino che si era immaginata in un altro Paese. Certamente risponderà alle sue esigenze e avrà due anni per concludere il rogito che Sisal provvederà a saldare con l’importo vinto.

Ora è tanto felice e stanca per non aver dormito dal giorno della vincita per l’emozione, un’emozione grandissima, di quelle che la fortunata vincitrice vorrebbe restituire a quel Paese, l’Italia, che l’ha ospitata per 20 anni e che grazie a VinciCasa oggi sente davvero suo perché,  in qualche parte d’Italia, ci sarà la casa di proprietà di Trilly.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.