Log in

Scommesse truccate: Fifa e Interpol fanno fronte comune per proteggere chi denuncia le combine

  • Scritto da Amr

scommesse_gettateA un anno dal suo insediamento alla guida della sicurezza della Fifa, Chris Eaton fa il punto su Fifa.com dell'entità delle partite truccate in tutto il mondo, dei progressi compiuti dalla Federazione internazionale nella lotta a questo fenomeno e dei suoi obiettivi. "Dopo la Coppa del Mondo 2010 in Sud Africa, abbiamo sviluppato un programma di supporto alle indagini per combattere partite truccate e infiltrazioni criminali".

Scandalo calcioscommesse in Italia, Silvestris (Ppe) chiede intervento della Commissione Europea "Negli ultimi 12 mesi abbiamo sviluppato un sistema di indagine a supporto della polizia e di altre organizzazioni investigative e giudiziarie nello sviluppo di prove per perseguire le persone per il coinvolgimento nelle partite truccate. Le partite truccate possono avere un impatto sulle qualificazioni per le competizioni Fifa, e anche gli stessi mondiali. Minano l'integrità complessiva delle nostre competizioni. La criminalità organizzata ha interesse a truccare le partite perché il calcio genera un enorme interesse anche sotto il profilo del gioco d'azzardo. Oltre il 90 percento delle scommesse nel sud-est asiatico è sulle partite di calcio, in particolare concorsi internazionali. Un sacco di gente pensa che la Fifa sia un'organizzazione ricchi. Ma è neanche lontanamente così ricco come le organizzazioni di gioco d'azzardo e bookmakers del mondo che si alimentano di calcio. Fifa non è contro di scommesse o gioco d'azzardo, ma come vittime non intenzionali, stiamo incoraggiando i governi collettivamente a controllare il fenomeno, in particolare nel sud-est asiatico. In Italia è da oltre un anno che va avanti un'indagine sulle partite truccate e il reddito probabile che rende a due importanti organizzazioni criminali come la camorra e la magia è di 2 miliardi di euro. E ricordate, questo è il denaro digitale".

Eaton si dice comunque sicuro che il fenomeno possa essere combattuto, anche in collaborazione dell'Interpol. "C'è sicuramente la necessità di affrontare la questione della stabilità economica e la vulnerabilità per i giocatori e gli arbitri. Abbiamo esempi di giocatori che sono intimiditi. Nel 2012, i giocatori, funzionari e anche gli amministratori avranno un posto dove andare - anche in forma anonima - per raccontare la loro storia. Ci sarà un, numero di telefono sito web e un indirizzo di posta elettronica dedicato - in tutte le lingue. Faremo tutto quello che si adatta alla persona che vuole dire qualcosa. Prenderemo in considerazione le persone che si rivolgono a noi sia per una ricompensa o amnistia. Alcuni giocatori sono stati ingiustamente compromessi dai loro compagni di squadra o famiglie o nei loro club, e non vedo alcun motivo per cui non dovrebbero essere considerati per la riqualificazione e riabilitazione e permesso di rientrare nel calcio".
Scendendo nel dettaglio della situazione italiana, Eaton sottolinea come dei 4,2 miliardi di euro giocati sullo sport, ogni anno, il 92 percento è il calcio. Ma il volume di gioco regolare è pari al 30 percento, mentre il 70 percento passa attraverso i bookmakers non regolamentati e non registrati, il che rende quindi il fatturato del gioco d'azzardo sul calcio pari a circa 12 miliardi di euro annui".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.