Log in

L'Italia verso il betting exchange: ma ancora nessuna certezza sui tempi

  • Scritto da Alessio Crisantemi

scommesse_onlineLondra - L'invio a Bruxelles della bozza di decreto che disciplina il cosiddetto 'betting exchange' - la modalita' di scommessa che prevede l'interazione tra giocatori - ha dato nuovi impulsi al settore del gioco. Non a caso, alla fiera Ice di Londra, l'argomento conquista parte dell'attenzione da parte degli addetti ai lavori. Peccato pero' che sia ancora impossibile determinare i tempi di attuazione della nuova modalita' di gioco che il Legislatore ha introdotto nel lontano 2006 per poi vederla rimanere nel cassetto di Aams tra i prodotti di futura emanazione. E che, oltre al verdetto di Bruxelles, dovra' attendere anche quello del Consiglio di Stato.

Bancora (Betfair): "Con exchange si completa l'offerta italiana"

Ice Totally Gaming, Avv. Sbordoni: “Italia pioniera sull’online ma serve altro per la sicurezza”

Ice Totally Gaming: parte la fiera di Londra, tanti seminari e oltre 400 espositori

Queste, al momento, le uniche certezze: il decreto dovra' rimanere in stand by presso la Commissione Europea almeno per i prossimi tre mesi (quindi, almeno fino al prossimo aprile), salvo ulteriori rimandi in caso di osservazioni motivate da parte della stessa Commissione o di altri Stati Membri. Qui, pero', non dovrebbero incontrarsi sorprese, essendo l'impianto tecnico burocratico predisposto da Aams del tutto analogo a quello gia' utilizzato da parte di altri paesi, quindi potenzialmente immune a osservazioni. Una volta tornato da Bruxelles, tuttavia, il decreto tecnico - ancora sotto forma di bozza - dovra' passare anche il vaglio del Consiglio di Stato, trattandosi di una modalita' di gioco introdotta da decreto ministeriale.

 

E qui itempi sono tutt'altro che certi. I 60 giorni di prassi per il parere preventivo di Palazzo Spada non rappresentano un termine perentorio, al punto che in un caso precedente una norma di Aams e' rimasta sul tavolo per ben nove mesi prima di ottenere un verdetto di puro carattere consultivo.
Nel frattempo tuttavia, Aams potrebbe comunque delineare le linee guida per I protocolli di comunicazione utilizzati dalla nuova modalita' di gioco che rappresentano la parte fondamentale e potenzialmente piu' delicata dell'implementazione di questo business e giocare di anticipo su questo fronte permetterebbe se non altro di preparare le piattaforme di gioco mentre di attende l'iter burocratico, in modo da partire in tempi rapidi appena dopo la pubblicazione ufficiale del decreto in Gazzetta.
Da Piazza Mastai, a quanto pare, non e' stata ancora definita ad oggi una strategia specifica su questo tema, ma e' del tutto probabile che quella sopra citata sara' la strada che Aams intedera' utilizzare, avendola gia' impiegata in altri settori.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.