Log in

Uefa: Platini "Tolleranza sero verso chi bara"

  • Scritto da Sm
michel_platini_uefaLa Commissione Esecutiva Uefa ha cercato di innovare nel 2010/11, senza perdere di vista la necessità di mantenere continuità e dialogo nell’affrontare questioni chiave per il bene comune del calcio europeo. È stato questo il messaggio della relazione 2010/11 presentata martedì al XXXVI Congresso Ordinario Uefa a Istanbul. “La commissione si è mossa in un periodo frenetico dando priorità a questioni quali il fair play finanziario, il contrasto alle partite combinate e alle scommesse illegali, nonché il dialogo e la collaborazione con le federazioni affiliate alla Uefa, l'Unione Europea (Ue) e i principali portatori di interessi nel calcio europeo”, affermano dalla Uefa. È stato dato seguito agli sforzi per contrastare i mali della corruzione e delle partite combinate con l'intensità adeguata ai rischi che pongono alla credibilità delle competizioni e, di conseguenza, all'esistenza stessa del calcio. Dopo un appello a una maggiore sensibilizzazione e alla creazione di un vasto sistema di individuazione delle scommesse illegali (...), il Comitato esecutivo – persuaso che tale lotta possa essere perseguita con successo soltanto con il sostegno e la cooperazione delle autorità pubbliche e giudiziarie - (...) ha deciso di creare una rete di funzionari all'interno delle federazioni Uefa. Inoltre, esiste la necessità di una stretta collaborazione con altri organi sportivi internazionali che si trovano o potrebbero trovarsi nella stessa situazione. "Tali misure preventive sono accompagnate da una politica ferma, di tolleranza zero verso chi bara e chi li sostiene”, afferma il presidente Michel Platini.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.