Log in

La Russia vieta le scommesse su eventi non sportivi

  • Scritto da Redazione

I bookmaker della Russia sono furiosi per i piani del loro Governo di vietare le scommesse su eventi non sportivi.


Ad aprile le autorità russe hanno pubblicato la bozza di testo di un progetto di legge che richiederebbe ai bookmakers di pagare una tassa del 10 percento sulle loro vendite di scommesse sportive online. La scorsa settimana la bozza è stata modificata per includere un divieto di scommesse su eventi non sportivi sia per i punti vendita terrestri che online.

 

Alcuni bookmaker stanno adottando un approccio filosofico al divieto non sportivo che, se approvato, dovrebbe entrare in vigore il prossimo dicembre. Maxim Afanasyev, vice direttore dell'operatore di scommesse russo Liga Stavok, ha detto a Bookmakers Rating che le scommesse non sportive sono state "una bella aggiunta" alle tradizionali scommesse sportive ma non "la spinta" delle linee di fondo dei bookmaker russi.

 

Ad adottare un approccio più stridente è stato Konstantin Makarov, CEO dell'operatore di scommesse Bingo Boom e presidente della Bookmakers Self Regulatory Organization, che ha definito il divieto di scommesse non sportive "assolutamente irragionevole". Parlando con Betting Business Russia, Makarov ha detto che sarebbe di gran lunga meglio se il Governo disponesse regolamenti specifici per disciplinare le scommesse non sportive.
 
Makarov è stato ancora più diretto per quanto riguarda il dubbio sul fatto che la nuova tassa online del 10 percento si applichi alle entrate o al fatturato. Makarov dubitava che l'autore del progetto di legge si fosse consultato con chiunque sia coinvolto nel business delle scommesse o fosse minimamente consapevole del fatto che di tanto in tanto i bookmaker perdono soldi quando la maggioranza degli scommettitori è fortunata.
 
Secondo Makarov il Governo dovrebbe adottare una posizione più basata sulla realtà, modificando il progetto di legge per specificare una corretta definizione di 'proventi' dei bookmaker e per stabilire entrate fiscali di "non più del 5 percento" Solo allora Makaraov ritiene che i bookmaker saranno in grado di soddisfare l'obiettivo del Governo di fornire finanziamenti adeguati alle organizzazioni sportive.
Afanasyev ha avuto un tono più amichevole nei confronti del Governo in una intervista con la radio Kommersant, dicendo che Liga Stavok sarebbe disposto a pagare entrate fiscali fino al 20 percento se dovesse, pur ammettendo che il pagamento del 10 percento del fatturato delle scommesse online sarebbe fatale per i suoi profitti.

Le autorità fiscali russe hanno affilato le armi contro i bookmaker online quest'anno, poiché la proposta di tassa del 10 percento è in cima al recente aumento del 100 percento in canoni mensili per operare in ognuna delle 12 regioni economiche della Russia.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.