Log in

Gli Oscar della beffa, e i bookmakers sbagliano proprio Moonlight

  • Scritto da Giuseppe Tondelli

Sorpresa per gli addetti ai lavori e per i bookmaker: il miglior film è Moonlight e non il favoritissimo La La Land che, però, vince il resto. 

"And the Winner is, 'La la Land', ah no, sarebbe 'Moonlight' a vincere il premio come miglior film". Uno scherzo? Ma davvero fanno? Avrà pensato qualcuno. Un complotto anti Donald Trump per deridere persino l'evento mondano e di cultura e spettacolo più importante degli Stati Uniti d'America e del Mondo? L'epilogo dell'89esima edizione degli Oscar è da barzelletta con un riflesso decisamente positivo per i bookmaker che, se non altro, incassano tutte le scommesse sul favoritissimo 'La La Land' e sul mercato preferito, quello del miglior film.

Solo su Snai. tanto per rendere l'idea, il musical favoritissimo si giocava a 1,18 e tutto, in effetti, sembrava andare secondo copione (è proprio il caso di dirlo). Tra solito sfarzo e vestiti ai limiti del 'legale' (sia come scollature, spacchi sensuali e opere di sartoria davvero ardite) c'è stato anche il caso che ora farà parlare tutti almeno per una settimana. Due minuti dopo l’annuncio tanto atteso dal palco dell’89esima edizione degli Oscar, per il cast del musical che credeva di aver vinto è arrivata la sorpresa da 'Scherzi a parte'. Jordan Horowitz, uno dei produttori, ha preso il microfono: "C’è stato un errore. "Moonlight", avete vinto voi. Non è uno scherzo è 'Moonlight" ad aver vinto come miglior film". Warren Beatty, che sembrava palesare anche problemi di vista, ha letto il vincitore insieme a Faye Dunaway, ha detto che gli era stata data la busta sbagliata, con scritto il nome di Emma Stone come miglior attrice.
Ora bisognerà capire quanti avevano 'gamblato' sulla vittoria di 'Moonlight' nella categoria Miglior film che pagava 6,50 volte la posta. I flussi di gioco in Italia per queste novelty bets sono modesti e bisogna capire quanti sono riusciti ad indovinare un pronostico che ha spiazzato tutti tanto da arrivare a sbagliare il biglietto del vincitore.
Confermate invece le previsioni sull’Oscar alla Stone (che si giocava a 1,18) e al regista di "La La Land" Damien Chazelle (a 1,05). I bookie hanno centrato anche la statuetta a Casey Affleck per "Manchester by the Sea" (offerta a 1,70 alla vigilia) e agli attori non protagonisti Mahershala Ali di "Moonlight" (favorito a 1,22) e Viola Davies di "Barriere" (a 1,05). Insomma, abbassando la quota avranno limitato i danni ma se qualcuno ha giocato investendo sulle singole piuttosto certe solo la sorpresa Moonlight può aver bilanciato il resto. A meno che qualcuno non abbia fatto piangere le casse di qualche bookmaker.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.