Logo

La realtà virtuale si mette in gioco con Re Vive

Spazio alle nuove tecnologie al Mobile World Congress di Barcellona e dopo Oculus, Samsung, Sony, Google e Microsoft, tempo di debutto per il nuovo visore della realtà virtuale di Htc.

 

Il costruttore taiwanese ha presentato Re Vive durante l'evento catalano. Il nuovo visore è simile nell'estetica a Oculus, ma dentro è molto diverso dal progetto di Zuckerberg e soci. Ha due schermi, uno per occhio, con la risoluzione di 1200 x 1080 pixel, più che sufficienti per generare immagini in alta definizione nitide e precise, ed è pensato anche per essere utilizzato in piedi, permette di muoversi all'interno di questi mondi virtuali. Due sensori da installare agli angoli della stanza calcolano i nostri spostamenti nella realtà e ci avvisano se ci stiamo allontanando troppo. Tradotto, significa potersi muovere mentre si esplora il mondo digitale: non è un movimento totalmente libero, è limitato in un'aerea di pochi metri quadrati, ma è comunque un'esperienza diversa e più evoluta. Htc ha sviluppato il suo visore insieme a Valve, una compagnia americana famosa per i suoi videogame come Half Life e Portal e soprattutto per aver creato la piattaforma digitale Steam, dove ogni mese circa 121 milioni di utenti acquistano videogame, condividono esperienze, giocano.

Re Vive arriverà entro il 2015 (il prezzo è ancora da definire) e avrà delle applicazioni realizzate ad hoc perché, secondo l'azienda, la realtà virtuale è un nuovo linguaggio che bisogna imparare da zero. Certo, ci saranno anche videogame famosi, si potrà giocare a Call of Duty o Half Life 2 indossando il casco, ma le vere potenzialità di questa tecnologia richiederanno applicazioni pensate appositamente.

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.