Log in

Usa: dal fenomeno dei Barcade la rinascita dell’intrattenimento

  • Scritto da Alessio Crisantemi

Un vero e proprio fenomeno di massa che ha riportato al centro il mondo dell’intrattenimento: si tratta dei Barcade, che GiocoNews.it ha visitato per voi.

 

Videogiochi e flipper tornano alla ribalta negli Stati Uniti. Merito anche dei cosiddetti Barcade: ovvero, i locali pubblici che propongono un’offerta di intrattenimento multipla, attraverso il “food & beverage” e il gaming, rappresentato, quest'ultimo, da videogiochi arcadeflipper. E se, fino a qualche tempo fa, poteva apparire “roba da nerd”, oggi è diventata un autentico fenomeno di massa, riscuotendo un successo notevole che sta facendo letteralmente moltiplicare questo tipo di locali in tutti gli States.

Tutto è iniziato nella “mela”, nel 2004: quando nel quartiere Brooklyn apriva i battenti il primo Barcade, dal titolo omonimo, divenuto poi uno specifico brand, oltre a un vocabolo di uso globale utilizzato per identificare genericamente questo tipo di locali (un po’ come avvenuto negli anni passati con il brand “Tom Tom” utilizzato come sinonimo di navigatore o Gps). Un locale dove veniva offerta una birreria artigianale accompagnata da un'ampia selezione di giochi arcade e flipper. Creando così un format di autentico successo, in grado di associare ed esaltare due grandi passioni americane: quelle per la birra e per l’intrattenimento. Da quel momento in poi il fenomeno si è rapidamente espanso, con il Barcade che ha iniziato a prendere piede in altri quartieri, città e stati, aprendo anche a Philadelphia, Manhattan e Jersey City, poi New Haven e Los Angeles.

I fondatori del Barcade di New York avevano semplicemente pensato di accompagnare qualche bevuta di birre americane con del sano intrattenimento, senza aspettarsi di dar vita a un concept praticamente rivoluzionario. Invece così è stato. Ed oggi i “barcade”, nell’accezione più generale del termine, sono diffusissimi in molti paesi degli Stati Uniti, in molteplici declinazioni. Non tutti offrono solo birra, alcuni aggiungono musica dal vivo, altri molte più tipologie di giochi: ma il concetto alla base è sempre lo stesso: l’abbinamento di bevande alcoliche con i videogiochi e il flipper. Con ognuno di questi locali che ha un proprio tratto distintivo, un tocco personale, declinato sulla base delle abitudini della cittadinanza locale.

Tra i più famosi, per esempio, c'è il brand 1Up di Denver, in Colorado, o il Ground Kontrol di Portland, il 16-Bit Bar di Cleveland e altri ancora. Ma una delle città dove questo tipo di offerta si è fatta molto più interessante è Chicago. La culla del flipper, essendo la sede del più importante produttore di questi giochi, ovvero Stern Pinball. Nella terza città degli Stati Uniti e capitale dell’Illinois, ci sono oggi una decina di “barcade”, ma presto ne arriveranno molti altri. Tra i più importanti c’è l’Emporium, che mescola giochi da tavolo a flipper, biliardi e videgiochi arcade, in tre location diverse nei quartieri di Wicker Park, Logan Square e Fulton Market. Qui la selezione di drink è molto ampia, come pure quella di intrattenimento, con oltre venti flipper, di varie generazioni, biliardi, bowling e tanto altro ancora, come documentato da questo video, realizzato da GiocoNewsPlayer.it, all’interno del locale di Logan Square.
 
Un concept leggermente diverso è invece quello proposto dal brand Headquarters Beercade: un locale molto in voga a Chicago, ma che è presente anche in altre città come Nashville, che propone tanti flipper e videogame vintage, tutti accessibili in modalità gratuita, accanto a musica dal vivo, con Dj set dal vivo e vari angoli bar e un locale che si presta alla perfezione per un pubblico di tutte le età, feste private, cene e tutto quello che si può immaginare. GiocoNewsPlayer ha visitato quello di Rivernorth, a Chicago, e propone un video che permette di ammirare appieno l’offerta di intrattenimento.
 
 
Un altro format è invece quello proposto dal barcade Logan Arcade, che propone una location più specializzata, dove si celebra il solito connubio tra intrattenimento e food&beverage, ma con una selezione di alto livello di giochi, più orientata, in questo caso, a un pubblico che in molti chiamerebbero “nerd”. Ed è qui che si possono trovare anche giochi più rari, e oggetti da collezione, con teste di flipper alle pareti, pupazzi del mondo dei videogame, e così via.
 
barcade logan estesa
Altri esempi, sempre a Chicago, sono rappresentanti dal brand Replay, anche questo molto popolare in città, dove è presente con tre locali. Per un format ormai più che consolidato e che sta prendendo sempre più piede, se si pensa che la catena di Headquarters Beercade sta aprendo ora anche a San Francisco, dopo aver aperto locali anche in Lousville. Per un vero e proprio fenomeno di massa che in America non ha certo più bisogno di presentazioni, ma che è finito sotto osservazione dagli operatori dell’altra parte dell’oceano che si interrogano sulle potenzialità di questo concept anche in Europa. Certo, va detto, in Usa c’è una cultura popolare fortemente orientata all’intrattenimento, come pure alla birra: “play pinball and enjoy your drink”, ci si sente spesso ripetere in questi luoghi. Come pure è sicuramente rilevante il fatto che, a differenza per esempio dall’Italia, in Usa non si può bere in qualunque locale, ma c’è un contingentamento dei “liquor shop” che rende quindi anche l’offerta di alcolici qualcosa da ricercare. Sta di fatto però che qualunque paese del mondo ha nella propria cultura popolare il videogame o il flipper, più o meno sepolta col passare del tempo. Si tratta quindi soltanto di trovare il modo di rispolverarla, riesumando un’offerta di gioco che nel tempo ha trovato molti nuovi concorrenti (dalle console al mondo di internet, alle offerte di gioco a premi) ma che continua a conservare un fascino inimitabile. E il successo che sta avendo il flipper, in Italia e in Europa, ne è una prova. Che il prossimo passo sia quello di portare anche da noi i barcade?

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.