Log in

Anteprima Expo 2020, un anno dopo: tra spettacolo e intrattenimento

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

L'Expo 2020 Pavilions Premier, nuova attrazione per Dubai, apre oggi 22 gennaio 2021 e dona nuove speranze dopo il Covid, anche grazie all'Amusement.

Ecco a voi Expo 2020, divenuta 2021, a causa della pandemia. Dopo l'inevitabile slittamento dell'Esposizione universale degli Emirati Arabi, a poco più di nove mesi dal via ufficiale di Expo 2020 Dubai (l'enorme evento si svolgerà dal 1° ottobre di quest'anno fino al 31 marzo 2022) viene svelato il primo dei tre padiglioni tematici, grazie all’iniziativa “Pavilions Premiere”, che a partire da oggi, venerdì 22 gennaio e fino al prossimo 10 aprile, consentirà di visitare il Padiglione tematico sulla Sostenibilità. Seguiranno poi le aperture di “Alif”, il padiglione della Mobilità, e “Mission Possible”, il padiglione dell’Opportunità.


Un debutto – o, meglio, un'anteprima – all'insegna dell'intrattenimento. Non soltanto perché l'enorme numero di turisti sperato durante la fiera - riprogrammata dallo scorso anno - rappresenterà un importante impulso per l'attività turistica negli Emirati Arabi Uniti, con vantaggi di derivazione per le Fec e le attrazioni locali. Al padiglione, i visitatori potranno sperimentare “Terra”, il padiglione della sostenibilità, incentrato sugli spazi pubblici, con un parco giochi per bambini, un negozio di souvenir e un ristorante. Il luogo offrirà un viaggio immersivo attraverso le meraviglie del mondo naturale, inclusa una passeggiata interattiva attraverso le orme di una foresta, dove ogni passo influisce sul "wood-wide-web". Grazie a questa esperienza i visitatori saranno aiutati a comprendere l’impatto nocivo sull’ambiente di alcuni comportamenti quotidiani per poter divenire agenti di un cambiamento positivo. La struttura, progettata da Grimshaw Architects, rimarrà in eredità dopo l’Expo come laboratorio scientifico che ispirerà scelte sostenibili per le generazioni future.


Il Padiglione rappresenta esso stesso un esempio di architettura sostenibile. Costruito per essere a impatto zero, è dotato di 1.055 pannelli fotovoltaici disposti su una copertura larga 130 metri e in cima a una serie di "alberi energetici" che possono generare 4GWh di energia alternativa all'anno, sufficiente per caricare più di 900mila telefoni cellulari. Un padiglione, inoltre, dotato di tecniche di irrigazione innovative, compreso un sistema di riutilizzo delle acque grigie, che mirano a ridurre del 75 percento l'uso delle risorse idriche.
Expo offre la possibilità ai visitatori di prenotare una visita attraverso un sito web dedicato, al costo di 25 Aed (circa 5,6 euro), con i successivi padiglioni che verranno aperti nello stesso trimestre in anteprima.

Share