Log in

Social games, su iOS e Android arriva l'app ufficiale di 2048

  • Scritto da Redazione GiocoNews

Stando alle stime, sono ben 22 milioni i giocatori che hanno provato almeno una volta 2048, 'il Candy Crush della matematica', inventato da un ventenne italiano, Gabriele Cirulli. Un successo a cui ora fa seguito l'uscita dell'app 2048 originale, disponibile sull’App Store (iOS) e su Google Play (Android).

 

Il gioco, creato come puro esercizio in un weekend, è divenuto un autentico fenomeno, per un totale di 320 milioni di partite giocate fino ad ora.

 

IL FENOMENO DELL'ANNO - Semplice e al tempo stesso appassionante, 2048 ha come scopo unire le tessere numeriche presenti sul campo da gioco: quando due tessere con lo stesso numero si toccano, se ne crea una con un numero doppio. L’obiettivo finale è arrivare ad avere sul campo una tessera da 2048. In poche settimane 2048 è diventato il nuovo fenomeno dell’anno grazie alla trasversalità di utenti a cui si rivolge, alla vera dipendenza che è capace di creare e all’effetto virale che ne è scaturito. Sulla scia di questo successo sono nate diverse applicazioni che cercano di imitare il gioco originale.

 

DOPO RUZZLE - "Vista la risonanza che ha avuto il mio gioco ho deciso di portare avanti il mio progetto dedicandomi anche allo sviluppo delle applicazioni per iOS e Android”, ha dichiarato il giovane Cirulli. Concessionaria e premium partner dell'app ufficiale di 2048 sarà Lumata, player di riferimento nell’ambito del mobile marketing e advertising.  “Seguiamo con grande attenzione il mondo delle app, per poter offrire ai nostri inserzionisti le opportunità più interessanti” - ha dichiarato Filippo Arroni, Head of advertsing di Lumata -”Dopo la positiva esperienza che abbiamo avuto con Ruzzle, la collaborazione con 2048 è la logica continuazione di una strategia che ci vede partner delle iniziative più originali e coinvolgenti del momento“.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.