Log in

Lego Braille Bricks, le costruzioni per i bimbi non vedenti

  • Scritto da Redazione

Nascono le costruzioni per bambini non vedenti e ipovedenti: Lego Braille Bricks, mattoncini in braille pienamente compatibili con il sistema Lego.

Anche i bambini non vedenti e ipovedenti d'ora in poi potranno giocare con le classiche costruzioni Lego. Lego speciali, formato Braille.

"Motivati ​​dalle storie e dalle idee dei non vedenti di tutto il mondo - spiegano in una nota Lego Foundation e Lego Group - guideremo un'innovazione di base che può aiutare i bambini non vedenti e ipovedenti a imparare giocando con i mattoncini Lego".
 
Un progetto pioneristico che li aiuterà a imparare il Braille in modo giocoso e coinvolgente utilizzando mattoncini Lego personalizzati in Braille dal nome: Lego Braille Bricks.
 
"L'idea alla base di Lego Braille Bricks - continua la nota - è stata proposta per la prima volta alla Fondazione Lego nel 2011 dall'associazione danese e ancora nel 2017 dalla fondazione brasiliana Dorina Nowill per i non vedenti.
 Da allora è stato ulteriormente modellato in stretta collaborazione tra le associazioni non vedenti provenienti da Danimarca, Brasile, Regno Unito e Norvegia e i primi prototipi sono ora in quegli stessi Paesi per i test di concetto".
 
"Con migliaia di audiolibri e programmi per computer ora disponibili, un minor numero di bambini sta imparando a leggere il Braille", ha affermato Philippe Chazal, tesoriere dell'Unione europea dei non vedenti.
 
"Questo è particolarmente critico - continuano - quando sappiamo che gli utenti braille sono spesso più indipendenti, hanno un livello di istruzione superiore e migliori opportunità di lavoro. Crediamo fortemente che Lego Braille Bricks possa contribuire ad aumentare il livello di interesse nell'apprendimento del Braille, quindi siamo entusiasti che la Fondazione Lego consenta di promuovere ulteriormente questo concetto e portarlo ai bambini di tutto il mondo.
 
I mattoncini Lego Braille saranno modellati con lo stesso numero di tacchette usate per le lettere e i numeri nell'alfabeto braille, rimanendo pienamente compatibili con il sistema Lego.
 
Per garantire che lo strumento sia inclusivo, permettendo agli insegnanti vedenti, agli studenti e ai membri della famiglia di interagire a parità di condizioni, ogni mattone conterrà anche una lettera o un carattere stampato. Questa geniale combinazione offre un approccio completamente nuovo e giocoso ai bambini non vedenti e ipovedenti interessati all'apprendimento del Braille, consentendo loro di sviluppare una vasta gamma di abilità necessarie per prosperare e avere successo in un mondo frenetico".
 
"L'esperienza delle reazioni di studenti e insegnanti a Lego Braille Bricks - spiegano dalla fondazione Lego - è stata di enorme ispirazione e mi ha ricordato che le uniche limitazioni che si incontrano nella vita sono quelle che si creano nella mente. Il livello di coinvolgimento dei bambini e il loro interesse a essere indipendenti e inclusi in condizioni di parità nella società è così evidente. Sono commosso nel vedere l'impatto che questo prodotto ha sullo sviluppo della fiducia e della curiosità accademica dei bambini non vedenti e ipovedenti già nei giorni dell'infanzia".
 
Il prodotto è attualmente in fase di test in danese, norvegese, inglese e portoghese, mentre tedesco, spagnolo e francese saranno testati nel terzo trimestre del 2019.
 
L'ultimo kit Lego Braille Bricks dovrebbe essere lanciato nel 2020 e sarà distribuito gratuitamente per selezionare le istituzioni attraverso reti di partner partecipanti nei mercati in cui vengono effettuati test. Conterrà circa 250 mattoncini Lego Braille che coprono l'intero alfabeto, i numeri da 0 a 9, i simboli matematici selezionati e l'ispirazione per l'insegnamento e i giochi interattivi.
 
"I bambini non vedenti e ipovedenti hanno sogni e aspirazioni per il loro futuro come quelli che ci vedono", ha dichiarato John Goodwin, Ceo della Fondazione Lego.
 
"Hanno lo stesso desiderio e bisogno di esplorare il mondo e socializzare attraverso il gioco, ma spesso affrontano l'isolamento involontario come conseguenza dell'esclusione dalle attività. Nella Fondazione Lego, crediamo che i bambini imparino meglio attraverso il gioco e, a loro volta, sviluppino l'ampiezza di abilità, come creatività, collaborazione e comunicazione, di cui hanno bisogno nella quarta rivoluzione industriale. Con questo progetto, stiamo portando un approccio giocoso e inclusivo all'apprendimento del Braille ai bambini. Spero che i bambini, i genitori, gli operatori sanitari, gli insegnanti e i professionisti di tutto il mondo siano eccitati quanto noi e non vediamo l'ora di vedere l'impatto positivo".
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.