Log in

Ippica: da Torino a Siracusa tutte le corse del week end

  • Scritto da Mc

Domenica 1 dicembre si ripresenterà all’ippodromo di Vinovo, magari non per l’ultima volta, Lana del Rio. Ci sarà un passaggio di consegne pubblico tra la vecchia proprietà di Davico, Monticone e Lo Bue a Truccone-Bruera per la futura mamma-campionessa. Il puledrino che nascerà nella prossima primavera sarà battezzato “Bar” con il suffisso caratteristico proprio di casa Truccone. Da Borgaretto a Vigone passando per l’ippodromo di Vinovo, il viaggio di Lana del Rio non sarà troppo lungo e la Derby Winner continuerà a scorazzare sui prati nella nuova veste di fattrice. A celebrare il passaggio di consegne i proprietari nuovi e quelli vecchi e chi ha plasmato agonisticamente la campionessa. A Santo Mollo, fermo ai box a bordo pista per un appiedamento ma presente in ippodromo, il compito del passaggio ideale della cavalla da una scuderia piemontese ad un’altra.

Il centrale del pomeriggio sarà proprio dedicato a Lana del Rio e in pista ci saranno ottimi cavalli di categoria A e B sul miglio. Saranno solo in sette ma di primissimo livello. Su tutti quel Negresco Milar che Marco Guzzinati ha saputo portare tra i “top player” per poi ridimensionarsi un po’. Ricomincia da Vinovo la preparazione per le classiche. Se in buono stato di forma può incidere. Gran nome anche quello di Marlon Om, un passato da ottimo cavallo, si ripresenta a Torino con la guida di Harry Rantanen. Il cavallo arriva da due corse in Francia e dalla finale del G.P. Lotteria a Napoli dove finiva settimo.

Tra gli altri anche Marco Smorgon, super impegnato nel pomeriggio in tutte le 8 corse per professionisti, che nel centrale schiera Lord Dany ottima all’ultima uscita dove finisce quarta con un buon tempo ma dove veniva battuta anche da un altro dei concorrenti al via, quel Lambro che con Massimiliano Castaldo sulla pista di Vinovo ha un ottimo feeling. All’ippodromo di Vinovo ancora una volta si partirà decisamente presto con le corse. Alle ore 14,05 andrà già in scena la prima corsa con il convegno che si chiuderà alle ore 17,40.

 

BOLOGNA - Bologna capitale per un giorno, questa la cartolina dall’Arcoveggio, teatro di una riuscita kermesse agonistica incentrata sulla disputa del Premio Due Torri, sfida dall’antico prestigio che tradizionalmente riunisce i quattro e cinque anni indigeni in una sorta di iniziazione dei più giovani ai selettivi contesti riservati ai free for all. Un miglio per dieci nel solco di un Albo D’Oro di prima grandezza, così appare la sfida di domenica, alla quale hanno aderito soggetti dalla notevole caratura atletica, accompagnati nel capoluogo felsineo dai migliori driver del panorama tricolore, Gubellini sulla rivelazione Pellegrino Jet, finalista della Coppa di Milano e dai limiti ancora inesplorati, Bellei  sul classico Papandreu, recente vincitore sulla pista e favorito in virtù di un impressionante ruolino di marcia nel quale spicca il podio classico di Napoli, Andreghetti in sediolo a Oronte di Cesato, un allievo di Valter Castellani assurto alla notorietà a quattro anni e progetto di campione dai parziali altisonanti e dall’accattivante modello. Riflettori anche su Orione degli Dei e Osasco di Ruggi, due frequent flyer sulla rotta Italia/Francia, con eccellenti risultati oltralpe e squilli in patria anche in chiave grandi premi, i quali saranno accompagnati rispettivamente da Mauro Baroncini e Roberto Vecchione con malcelati propositi di vittoria, ma attenzione anche a Omas Np, il probabile leader della contesa che merita considerazione in virtù di una forma al top e di un evidente feeling con Ferdinando Pisacane, driver, allevatore e proprietario del cinque anni nato in Friuli.

Puledri dal promettente futuro aprono il pomeriggio con Sergent Pepper chiamato a confermare il successo a tempo di record che lo ha imposto alla notorietà nel mese di ottobre e soprattutto a farsi perdonare uno svarione in tempi più recenti, compito che l’invitto Silverado Lux e l’ottima Swami Gams tenteranno di complicare sfoggiando una forma al diapason ed partrership di livello con Gubellini e Vecchione; poi, tre anni sul miglio all’insegna dell’equilibrio per un possibile match tra Ranumcolo Jet, ancora Gubellini e Rallo, atout di Andreghetti, mentre  Remember Me Sm e Bellei si collocano al terzo posto in quanto a preferenze. Gentleman e cadetti al sopraggiungere della terza, due giri di pista che potrebbero laureare Pasqualina Disa ed Alessi con Pablo Grif e Zaccherini in alternativa, mentre alla quarta spicca prua As, di nuovo in trasferta sull’asse Bareggio/Bologna per replicare il successo di giovedì,con in sulky un Gubellini dalle molteplici briscole pomeridiane, un’altra è Reby di Celo, giovane sul quale il team nutre incondizionata fiducia e che oggi trova in Rico e Bellei nonché in Roger Prav e Greppi due tester di assoluto valore. Spalla all’evento clou, il Premio Vittorio e Paolo Lucchi chiama all’agone gli anziani per un intricato miglio per quale si candidano in sequenza Nicholson Treb, Nadir Jet e Mineiro As, ed in chiusura Gimmy di Jesolo in fuga e Orione Trio all’inseguimento, unica controindicazione la distanza dei duemila metri ed in parte l’avvio con i nastri.

 

SIRACUSA - Sarà Tris Straordinaria, la Listed Race riservata alle femmine di 2 anni. Apertura delle gabbie ore 17.15 per le 14 giovanissime al via nel Criterium Aretuseo, quinta corsa della prima domenica di Meeting Internazionale del galoppo ospitato all’Ippodromo del Mediterraneo di Siracusa. Tutte, o quasi, pronte a concorrere per un montepremi di 41.800 Euro. Giungono, preparatissime, da piazze italiane Lady Penko, Kitten’s Lady e Seinellanima. La prima, portacolori della Genets, è favorita tecnica. Sfodera un gran curriculum, con piazze e vittorie in corse di Gruppo 3 e in Listed Race.  Kitten’s Lady ha dalla sua una bella linea genealogica e una vittoria in maiden nella sua prima uscita. La scuderia Montebelli Turf ci prova con una più che rodata Seinellanima, che fa il pesante, è abituata alle trasferte, si adatta a diversi tracciati e in 13 corse registra 5 vittorie e 6 piazzamenti. La forma locale presenta un Alca Antonia e una Passionateshepherd, in linea e dalle ultime belle prestazioni. Seek for Toys, che ha lasciato l’amaro in bocca all’ultima uscita, sembra aver più potenziale, ma forse non gradisce il terreno pesante? Anche perché, il terreno sarà comunque provato dalle piogge che accompagnano i giorni che precedono l’apertura del Meeting fissata proprio domenica 1 Dicembre ore 15. Tra le sei corse in palinsesto figura anche un Handicap Principale “B” sul miglio in pista grande per cavalli di tre anni e oltre. Qui il numero 1 di Xilosio, ritorna a Siracusa forte di aver avuto accesso ad una seconda piazza in un Handicap Principale un anno fa. Mister  Gasparini ci riprova dunque, mettendo in corsa anche il vincitore del Città di Grosseto: Carolwood Drive. Sul terreno bagnato ha fatto bene Alta Quota, che vince la corsa di preparazione all’HP e che mette dietro se Red Jo e parte della compagnia come Celtimar o Comet Gray. Molte le mine della corsa. Insciaveghen, se corre sui primi, potrebbe imporre andatura e potrebbe imporsi come sorpresa. Assedio va bene sul pesante, specie in una forma ormai ben dimostrata. L’impianto è pronto e anche gli ospiti, provenienti dal resto d’Italia, sono già arrivati. Domenica pomeriggio, sui tracciati del Mediterraneo, “Lo Spettacolo è in pista”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.