Log in

L'ippica del weekend, super sabato a Capannelle e prima domenica a Pisa

  • Scritto da Redazione

Da Capannelle a Siracusa, da Pisa a Bologna, fino a Torino, ecco cosa prevede il ricco menu di corse di ippica in programma nel weekend del 14 e 15 novembre.

Continuano le corse - a porte chiuse - negli ippodromi italiani. Ed anche se senza pubblico il programma dei convegni del 14 e 15 novembre resta qualitativamente alto e variegato. Ecco cosa propongono gli impianti di Roma Capannelle, Siracusa, Pisa-San Rossore, Bologna-Arcoveggio, Torino-Vinovo.


CAPANNELLE CAMBIA GIORNO - Un super sabato per gli appassionati di galoppo alle Capannelle. Come annunciato questa settimana si correrà di sabato e non di domenica ma il programma è quasi un’onda lunga della grande giornata del Roma Champion Day che ci siamo appena lasciati alle spalle. Due listed, un Handicap Principale, otto corse in tutto con ancora 5 handicap e una prova riservata ai gentlemen e alle amazzoni. Gran festivo potremmo dire con quattro volte in azione la pista grande, una volta quella dritta e per tre volte si ricorrerà alla preziosa all weather con distanze dai 1200 fino ai 2300 metri.

Non solo ma con anche 9 partenti in media per ogni corsa. Insomma un pomeriggio da bollino rosso in senso ottimo si intende. Per i due anni tre corse, ma due saranno il cuore tecnico della giornata. In programma infatti il premio Rumon (antico nome etrusco del fiume Tevere) che un tempo si correva alla fine di settembre e selezionava i puledri in vista del Gran Criterium in prima battuta o anche dell’allora premio Tevere in seconda. Adesso quella funzione è assolta dall’implementato Fiuggi e il Rumon opportunamente viene idealmente a chiudere la stagione e lancia l’inverno che troverà controcanto sempre in listed nel Criterium di Pisa. Tutti sui 1500 metri ed in otto ma non soltanto come premio Rumon ma anche nel ricordo indelebile di un grande jockey ed ancor più eccezionale ragazzo, Daniele Porcu, troppo presto rapitoci. In campo per pensare in grande al domani ecco Bjorn, Bridge Dress Me, Midnight Season, Please Exceed, Polimar, Sopran Aragorn e Supernino.
Decisamente quanto di meglio nel periodo i nostri due anni possono offrire ed anche dal punto di vista spettacolare che si fa assoluto nell’altra listed, pendent del Rumon, solo rosa. Infatti il Criterium Femminile, sempre sui 1500 della pista grande, oltre alla qualità massima vedrà in campo ben 12 pretendenti al successo, garanzia di spettacolarità notevole, tanto è vero che è stato scelto come seconda tris nazionale nel pomeriggio. Ecco le magnifiche 12: Alkes, Andromaca, Arriva Veloce, Fulgentia, Ginger Beer, Happiness Therapy, Havana Love, Memo de L’Alguer, Mutamaiezah, Niram, Powerline, Strawberry Sauce e, Zo Kandi. Un eccellente concentrato di qualità da non perdere. Come il sempre esaltante Capannelle che riesce sempre come super Handicap Principale intriso di grande qualità, sovente anche con qualche reduce del precedente Aloisi. Tutti sui 1200 e 12 anche in questo caso ovviamente scelto come tris. Dall’Aloisi arriva Django ma nel campo spiccano anche i nomi da listed almeno come Das Rote, Penalty, Ipompieridiviggiù, oppure Miss Rouge in una scala che si allunga dai 63 di Django fino ai 53 di Into The Wild. Davvero spettacolo puro. Che si replicherà anche dopo otto giorni, domenica 22, con ancora due listed (Buontalennta e Roma Vecchia) ed il Nearco ultima chiamata per i miler.

SABATO AL GALOPPO A SIRACUSA - Il pomeriggio di sabato 14 novembre, all'ippodromo del Mediterraneo di Siracusa, è dedicato al galoppo. E le corse più gettonate solo proprie ad inizio convegno. Scatterà, infatti alle ore 13:50, un Handicap riservato a cavalli giovanissimi di 2 anni che dovranno confrontarsi sui 1700 metri di pista grande. Reduce da prima piazza a seconda uscita su stessa distanza, Under Secret si candida alla vittoria; dovrà fare i conti con due belle novità che scendono da altre piazze italiane: Deron Kit e Destination West, quest’ultimo accompagnato da buone voci.
La successiva competizione alle 14:25, Premio Fiume, è abbinata ad una Condizionata che manda in scena cavalli di 3 anni e oltre che presentano tutti buona forma e ottimo potenziale. Difficile pronosticare chi si farà protagonista di questi brevi 1200 metri di pista sabbia. Proviamo a citare il rientrante Dorkhel sempre pericoloso. Sono tanti i soggetti positivi e in forma: Every Promise, Amadigi, Bright Star. Le incognite sono legate al chiacchierato Giocoforza che, se dovesse superare i problemi avuti alle gabbie di partenza, potrebbe mettere tutti d’accordo. Occhio alla novità di casa Guastella Darth Maul dall'ottimo inizio carriera e a Mujassam che ha destato buone impressioni alla prima uscita sul tracciato.
A sollevare la sabbia sugli avversari nel Premio Maribel, quarta competizione in programma, potrebbero essere Playful Dude e Natural Storm, ancora la linea di Laguna Drive e Pignolata, le potenzialità di Domestic Heart e Sensazione Poy; tra la validità dei 12 partecipanti e il lungo percorso dei 1800 metri in sabbia, tutto può succedere.

IL TROTTO E DI SCENA AD ARCOVEGGIO - Terzo appuntamento di un’intensa settimana, il sabato dell’Arcoveggio sostituisce una tantum la giornata festiva e offre interessanti spunti tecnici in tutte e sette le proposte in palinsesto, con il prologo in scena alle 13.25 e l’ultima corsa programmata alle ore 16.00.
Clou prefestivo nel segno dei tre anni, con la leva 2017 chiamata ad un impegnativo esame sulla media distanza e la partenza ai nastri, sfida che raduna sotto le Due Torri otto contendenti dalle consistenti linee agonistiche tra i quali spiccano per forma e collocazione tattica la duttile Brigitte Roc, che l’infortunato Enrico Bellei affida allo storico avversario Pietro Gubellini, nonché l’atletico Brivio D’Elite, con Antonio Di Nardo alle redini, Bentley, che si avvarrà dell’ispirata guida di Vp Dell’Annunziata, e Blue Sky Pax, proposta targata Gocciadoro assai incline all’errore ma potenzialmente in grado di dire la propria per il bottino pieno, più difficile per l’unico penalizzato in gara, Blasco Real, sul quale sale Roberto Andreghetti per conto del trainer Lorenzo Baldi.
Apertura con i puledri e con l’interessante Classic Winner, cresciuto in Francia ed ora allievo del team Gocciadoro: l’erede dell’immenso Varenne si candida per il successo contro coetanei dalla regale genealogia come Chapter As e Charliebrown Effe, proposte di Vincenzo Castiglia e Luca Lovera, mentre alla seconda Breeding Demi e Pietro Gubellini paiono in grado di inaugurare vittoriosamente la loro partnership, mentre Barni Lenny e Balance Mtt sembrano i più seri candidati al podio.
Pochi ma buoni alla terza corsa, un miglio riservato ai cadetti che vedrà l’esordio di Alpago Wf con il nuovo training di Alessandro Gocciadoro, connection che potrebbe rappresentare la svolta per lo statuario sauro cresciuto nelle campagne bolognesi da sempre stimato ma spesso al di sotto delle aspettative, il quale troverà sulla sua strada tester agguerriti come Axis Di Girifalco, con Davide Nuti, e A Testa Alta Da, dotata giumenta di casa Sarzetto affidata ad Andrea Farolfi.
Poi, alla quarta, miglio ad alto contenuto tecnico, con i gentlemen alle redini dei loro anziani portacolori, prova che ha nelle coppie Rue Du Bac/Hudorovich, Tarantella Ferm/Bruniera e Twilight Lux/Paladini i più seri candidati al successo. Si rimane in compagnia degli anziani per la quinta corsa, con l’inedito duo Saimon Barboi/Gocciadoro in pole nelle scelte sul decaduto Ursus Tft, in versione Andreghetti, e Ser Giti, giornaliero ma valido performer proposto da Francois Conigliaro, ed anche per la settima altri due giri di pista ricchi di eccellenti individualità, tra tutte gli ex prima serie Vertigo Spin e Umbral Ferm, senza trascurare Zola Budd e Valent Sf.
Si potranno seguire le corse su Unire Sat canale 220 di Sky.
Appuntamento successivo martedì 17.

FINALE DEI GENTLEMEN A VINOVO - Sempre con le porte chiuse al pubblico e a tutti i non addetti ai lavori, sempre con il massimo rispetto delle norme previste dall'ultimo Dpcm, ma l'attività del trotto all'ippodromo di Vinovo va avanti e sarà così da qui a fine anno.
Al centro del programma previsto sabato 14 novembre c'è la finale del Campionato Gentleman Piemonte e Liguria, una corsa molto sentita per i proprietari che in quest’occasione potranno cimentarsi al sulky dei loro cavalli. In 9 al via disposti sui tre nastri dai 2.060 ai 2.100 metri, con i più attesi in fondo. Sono Michele Bechis con Zar Dei Baba e Jacopo Brischetto al sediolo di Tarim, entrambi molti adatti a questo schema di gara. Terzo incomodo potrebbe essere Vicoletto Breed con Cesare Bonacci. Ma da vedere abbiamo anche Troy Holz con Graziano Reggiani e Singapore con Enrico Colombino che è anche il presidente del Gentleman Club Piemonte e Liguria. Il via delle 8 corse alle 14, mentre l'appuntamento successivo a Vinovo sarà sanato 21 novembre

LA PRIMA DOMENICA DI SAN ROSSORE - La prima domenica della stagione 2020 – 2021 dell'ippodromo pisano è anche la prima giornata di rilievo di questo autunno, con la disputa di tre handicap principali e della 5^ Moutai Cup riservata ai Purosangue Arabo.
Il convegno si disputerà in pista grande e avrà inizio alle 13.30
Il premio Goldoni è un HP per i 2 anni sui 1.600 metri e potrebbe essere per il vincitore e i piazzati un trampolino di lancio verso il Criterium di Pisa del 6 dicembre. Morellina si è già piazzata in contesto similare a Roma può vincere ma ha lasciato ottima impressione Brazen Air che a Pisa ha vinto una corsa “a vendere” ed è poi stato acquistato nell’asta dopo corsa da Alessandro Vincenti. Jo Condor, eterno piazzato, potrebbe togliersi la qualifica di maiden proprio in questa corsa.
Il premio Galileo Galillei, HP per i 3 anni e oltre sui 2.200 metri propone l’ospite tedesco, ma di casa in Italia, Northsea Star che dovrà vedersela con il lanciato Lexington Quest e Absolute Silence che ama pista e distanza. Attenzione al rientrante Volpe Rossa, sorpresa lo scarico Neverendinglove.
Il terzo HP è il premio Federico Regoli, sempre per i tre anni e oltre ma sui 1.500 metri. La forma di Mr Gualano parla chiaramente anche se il contesto è impegnativo. Tempus Igganadu, in ottimo assetto da lungo tempo, e Voices From War, che scende di categoria, sono due valide alternative. Un posto nel marcatore è alla portata del regolare Boccioni.
In calendario anche la condizionata per i Purosangue Arabo di 4 anni e oltre sui 2.200 metri. Recentemente a Milano l’indigeno Antares del Ma ha fornito una super prestazione in corsa di Gruppo 3 precedendo Ramiz Al Aziz. Oggi i due si ritrovano e si fronteggiano su distanza superiore che può gocare in favore di Ramiz Al Aziz, ma non è detto. Curiosità per l’ospite sloveno Kakir Ibn Bukefal.
Share