Log in

Stoccolma, dove il flipper si diffonde nel pubblico ma non nei locali: e ora arriva il Campionato Europeo

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

Heron City (Stoccolma) – Tutto pronto, a Heron City, per l'edizione 2013 del Campionato Europeo di flipper sportivo EPC - European Pinball Championship che andrà in scena questo fine settimana (13-15 settembre). A pochi giorni dall'avvio della kermesse 'flipperistica', il riscontro da parte dei players europei è più che positivo, come spiega l'organizzatore, Patrik Bodin, responsabile della Ifpa (International flipper pinball association) in Svezia, in un'intervista concessa a GiocoNewsPlayer.it

 

Cosa ti aspetti da questa nuova edizione dell'Europeo in Svezia?
“Abbiamo previsto installato diversi scenari possibili durante la programmazione dell'evento che variano in base al numero di iscritti. Il nostro obiettivo era di superare quota duecento e il sogno sarebbe quello si arrivare a trecento. Intanto le iscrizioni hanno superato le 200 unità già pochi giorni dopo l'apertura, e questo è già un ottimo inizio”.

Qual è la risposta del pubblico svedese di fronte al flipper sportivo? Si sta diffondendo la disciplina all'interno del vostro paese negli ultimi anni? C’è un incremento nel numero di giocatori ‘professionisti’?
“Il flipper sportivo ha conosciuto una crescita e una diffusione esponenziale a partire dal 2003, quando l'abbiamo ricostruito i campionati svedesi che erano stati interrotti per otto anni. E i risultati recenti confermano l'ottimo andamento con l'ultimo Stockholm Open che si è rivelato il più grande di sempre”.

L’attività di Ifpa in Svezia sta avendo un impatto anche al di fuori del circuito? C'è un interesse  crescente nei confronti del flipper? Se ne trovano nei locali pubblici?
“Purtroppo, nonostante l'interesse sempre più crescente nei confronti della disciplina sportiva, negli ultimi dieci anni abbiamo assistito a un vero e proprio declino del flipper nei locali pubblici. Basti pensare che Stoccolma è una città di 2 milioni di persone, e ci sono solo 4-5 postazioni su cui è possibile giocare a flipper in pubblico. Ma questo è più per una scelta del mercato e degli operatori che per la reale perdita di interesse da parte dei cittadini e non a caso continuano ad aumentare le collezioni private di flipper e i posti semi-pubblici in cui poter giocare: cioè dei locali non aperti al pubblico ma che non sono neanche delle abitazioni (come i nostri circoli ricreativi o ritrovi simili, Ndr). Ma la scena torneo sta crescendo sempre più grande, e ci sono collezioni sempre più privati​​. Per questo siamo convinti che, prima o poi, ci dovrà essere una inversione di tendenza”.

Share