Log in

Mapic: il futuro dell'industria Food & beverage è con il gaming

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

Nel libro bianco sul Retail e tempo libero, il gruppo di Mapic si interroga sul futuro dei locali pubblici e della vendita al dettaglio.

 

In un mondo sempre più connesso e digitale, la creazione di luoghi in cui le persone possono vivere esperienze “vibranti” e condividerle con familiari e amici è diventata un vero punto di svolta per i responsabili politici locali e gli sviluppatori immobiliari. L'integrazione dell'intrattenimento nei luoghi fisici è ora la chiave per rigenerare le aree svantaggiate, dare nuova vita alle destinazioni urbane e commerciali e costruire nuove proprietà moderne ad uso misto.
E' quanto emerge dal rapporto dedicato al futuro del retail e dell'intrattenimento pubblicato sul portale di Mapic, l'evento internazionale di riferimento per l'industria del retail, dal titolo: “Mixed use retail and leisure: What happens next?”.

Tempo libero, cibo e bevande, spazi per uffici, co-working, spazi residenziali, assistenza sanitaria, benessere e logistica stanno trasformando il volto delle destinazioni di vendita al dettaglio a uso misto e dei centri di life style, con i più recenti schemi a uso misto che mirano a soddisfare un'ampia gamma di esigenze dei visitatori e i requisiti dei vari stili di vita che, soprattutto negli ultimi 12 mesi, si sono concentrati sui quartieri locali.

Lo sviluppo di successo nei settori della vendita al dettaglio e del tempo libero è sempre stato quello di aiutare i clienti a stare al passo con le tendenze, ma gli ultimi progetti di sviluppo della vendita al dettaglio a uso misto stanno ora evolvendo rapidamente, con usi diversi che aiutano a compensare alcuni dei rischi legati alle tendenze a lungo termine nello spazio di vendita al dettaglio, mentre la combinazione dei giusti elementi a uso misto può creare un effetto alone, migliorando le entrate in tutto uno schema.

TEMPO LIBERO E F&B NEI CENTRI COMMERCIALI - Due dei più significativi cambiamenti degli ultimi anni sono stati probabilmente l'evoluzione dei punti vendita di cibo e bevande (F&B), un fattore determinante nel guidare il passaggio in un mondo in cui molte transazioni convenzionali si sono spostate online e l'aumento di tutte le forme di svago e intrattenimento.

In tutta Europa, negli Stati Uniti e nel mondo, il Food&Beverage è diventato uno dei fattori più significativi che guidano nuovi schemi e plasmano il modo in cui vengono eseguiti i lavori di ristrutturazione. E se il F&B è stata la prima mossa nella trasformazione del centro commerciale, il tempo libero è probabilmente diventato l'ultima grande novità, con attrazioni multigenerazionali.
Il tempo libero può anche fungere da catalizzatore principale per la generazione o la rigenerazione. Uno di questi esempi è stato sviluppato a Lione, in Francia, da Vinci Immobilier, con Altiplano Consulting per il proprietario di Sci Too Fun Park. Il più grande centro ricreativo in Francia e il primo concetto di svago all'interno di un'area di stadio in Europa, comprende la più grande onda indoor d'Europa e la più grande attrazione di bowling a Lione.
È stato reso commercialmente possibile grazie all'inclusione di sport, tempo libero, cultura e cibo e bevande, con quei diversi operatori che offrono guadagni cumulativi da locazione.

"Lo sport è popolare per tutte le età e gruppi", afferma Fabrice Deygas, associato di Altiplano Group. "Il tempo libero e lo sport si rivolgono a molte persone contemporaneamente, quindi un parco trampolino può attirare più di 1.000 visitatori al giorno, il bowling può vedere più di 2.000 persone il sabato, quindi prevediamo più di 200mila clienti all'anno".

Crede che il tempo libero e lo sport possano aiutare i rivenditori a offrire esperienze nuove e mutevoli, che possono essere aggiornate, mentre le esperienze di svago esclusive sono più potenti nell'attrarre visitatori piuttosto che destinazioni solo al dettaglio.

"Per le attività sportive e ricreative, le persone possono venire più volte alla settimana o al mese, il che è molto più che per la vendita al dettaglio", afferma. "Se raggruppi tempo libero, cibo, cultura, shopping e servizi, offri tutto ciò che si adatta al loro stile di vita."

Share