Log in

Benvenuto Brunello 2018, un vino che si mette in gioco

  • Scritto da Redazione

Presentata l'annata 2018 del Brunello di Montalcino: ecco i numeri giusti da giocare con MillionDay per festeggiare l'arrivo.

Era il 21 settembre 1979 quando Sting esordì con i Police e il singolo Message in a Bottle, ma certo non immaginava che sarebbe diventato un successo che lo simboleggia ancora oggi, vuoi per il suo contenuto “rivoluzionario”, vuoi perché lo rappresenta sempre di più come ambasciatore del buon vino. Così è accaduto che a Montalcino, per la gioia dei tanti fan del vino toscano e del bel canto, Sting si è ritrovato a cantare sulle note di una bottiglia, quella dell’ottimo Brunello di Montalcino che in questo 2018 porta a casa quattro stelle per l’annata 2013. Message in a Bottle non fu solo un messaggio di speranza per tutta una generazione, ma diventa, nella splendida location del chiostro della Chiesa di Sant’Agostino, la metafora della buona terra che porta frutto, un frutto sempre più apprezzato a livello globale. Cento miliardi di bottiglie giungono a riva, recitava la canzone di Sting e oggi migliaia di bottiglie di Brunello viaggiano nel mondo. Così richiamando il messaggio, la piastrella commemorativa del Brunello 2017 è stata firmata e posizionata come vuole la tradizione dallo stesso cantante inglese, insieme alla moglie Trudie Styler, sul muro del Palazzo Comunale di Montalcino. Oltre a Sting, il Consorzio del vino Brunello di Montalcino ha invitato diverse personalità tra cui il ministro dell’economia Padoan che ha enfatizzato il ruolo del territorio affermando che il Brunello è esempio di qualità, integrazione e condivisione. Poi si sono svolti diversi seminari tra cui quello tenuto dal sommellier Luca Martini sul Moscadello, il più antico dei moderni alla scoperta di un vino per certi versi ancora inesplorato al grande pubblico ma sicuramente dalle grandi potenzialità. Una produzione limitata, sono solo una dozzina le aziende che mettono in vendita questo vino “lussuoso” e dai grandi aromi per il palato.
Insomma questa edizione di Benvenuto Brunello 2018 testimonia ancora una volta la grande ricchezza basata sulla qualità del prodotto, sulla serietà dei produttori, sulle materie prime e sul territorio che è ricchissimo. Aveva ragione Enea Silvio Piccolomini, all’epoca papa Pio II che nei suoi Commentarii riconobbe a Montalcino il ruolo di città, “Amplum et nobile oppidum” con la Bolla del 5 febbraio 1562.

I NUMERI - Se volessimo omaggiare MillionDay, il nuovo gioco numerico a quota fissa di Lottomatica, con questa edizione di Benvenuto Brunello potremmo indicare il numero 4 come le stelle impresse sulla formella commemorativa firmata da Sting, il 21 e il 9 che ricordano la data di uscita del disco Message in a Bottle e infine il 18 con riferimento all’anno in corso. Buon gioco a tutti.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.