Log in

Quote Mondiali 2014, Italia-Uruguay: la vittoria vale sempre 2,65

  • Scritto da Redazione GiocoNews

Inizia oggi l’ultimo turno della fase a gironi. Nel girone A il superfavorito Brasile (a 1,12) affronta il Camerun (a 20,00); la Croazia (a 2,55), obbligata a vincere per qualificarsi, se la vedrà con il Messico (a 2,70) che ha a disposizione due risultati su tre. Nel girone C, con la Colombia già qualificata agli ottavi di finale, la sfida tra la Costa D’Avorio (a 2,00) e la Grecia (a 3,60) vale la qualificazione. La squadra ellenica necessita però solo della vittoria. Nel girone D con la Costa Rica qualificata, saranno Italia e Uruguay a giocarsi il passaggio del turno, la quota è la stessa per la vittoria dell’una o dell’altra, a 2,65. Gli azzurri però hanno due risultati su tre.

 

 

Nel girone F l’Argentina è già qualificata, la squadra di Messi e co. quotata a 1,50 affronterà la Nigeria (a 8,00) che è ad un passo dalla qualificazione. La Bosnia (a 2,15), ferma a zero punti, giocherà contro l’Iran (a 3,35) che per approdare agli ottavi deve vincere, sperare nella sconfitta della Nigeria e vedere la differenza reti.

 

GERMANIA CONTRO USA - Nel girone E la Francia (a 1,75) è ad un passo dalla qualificazione e affronterà l’Ecuador (a 4,65); la Svizzera (a 1,42), per evitare calcoli, deve battere l’Honduras (a 8,00). Nel girone G, saranno di fronte la Germania (a 1,75) e gli Usa (a 10,00), a entrambe basta un punto per qualificarsi; poi Ghana (a 3,10) e Portogallo (a 2,15), ferme a un punto, che devono sperare che non pareggiano Germania e Usa, giocarsi le chance di qualificazione vincendo, il pareggio non serve a nessuno, e controllare la differenza reti. Nel girone H, il Belgio (a 1,75), già qualificato, affronta la Corea del Sud (a 4,65); la Russia (a 2,00) di Fabio Capello deve sconfiggere l’Algeria (a 3,80) per passare il turno, altrimenti agli ottavi approdano gli africani.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.