Log in

Brasile 2014, disfatta per il calcio italiano

  • Scritto da Redazione

In Brasile il calcio italiano è naufragato. Questo Mondiale sarà ricordato come uno dei più fallimentari per i colori azzurri.

E non solo per la prematura eliminazione della Nazionale, uscita nella fase a gironi come già 4 anni fa in Sud Africa. Ma anche perché, eliminate la Russia di Fabio Capello e il Giappone di Alberto Zaccheroni, il calcio italiano torna a casa rimediando una brutta figura a 360 gradi. Eppure, a inizio Mondiali, la spedizione degli Azzurri era partita con i favori dei pronostici. La squadra di Prandelli infatti, sulla lavagna di Sisal Matchpoint, era quotata a 2,50 come la favorita del Gruppo D e l’eliminazione nella fase a gironi, bancata a 6, era considerata
altamente improbabile.
Anche Russia e Giappone hanno sorpreso in negativo. La squadra guidata da Don Fabio era stata pronosticata dagli esperti di Sisal Matchpoint come seria candidata alla vittoria del Girone H, a 2,75. Veniva data per scontata anche la qualificazione del team di Capello, che sarebbe dovuta uscire agli ottavi, quota a 2.25. I Nipponici di Zac infine, partivano come la squadra migliore tra le asiatiche: a 2.25 erano infatti la prima scelta tra Australia, Corea del Sud e Iran. Anche se la fiducia sul loro passaggio agli ottavi, bancato a 6, era già bassa a inizio competizione.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.