Log in

Coppa al cielo di Rio, Germania favorita a 1.66

  • Scritto da Redazione

Dopo un mese di partite, l’atto finale di Brasile 2014 è alle porte. L’attesa finale del Maracanà fra Germania e Argentina si disputerà domenica 11 luglio alle ore 21 italiane. È la terza volta che queste due Nazionali si scontrano per aggiudicarsi la Coppa del Mondo, nuovo record dei Mondiali davanti a Italia – Brasile.

I due famosi precedenti di Messico ’86 e Italia ’90 hanno dato una coppa a testa: in Messico fu Diego Armando Maradona a festeggiare, quattro anni dopo furono invece le mani di Lothar Matthaus ad alzare la Coppa nel cielo dello “Stadio Olimpico” di Roma.

 

Dopo l’impressionante 7-1 rifilato ai padroni di casa in semifinale, i quotisti di Betfair.it vedono favorita per la vittoria finale la Germania con una quota di 1.66, mentre l’Argentina di Leo Messi è in lavagna a 2.2. Per quanto riguarda i 90’ dei tempi regolamentari le quote si alzano leggermente: Germania vincente a 2.3, Argentina a 3.4 mentre il pareggio che porterebbe ai supplementari paga 3.1 volte la posta. Germania e Argentina – 6 vittorie tedesche, 5 pareggi e 9 vittorie sudamericane nei 20 precedenti – si scontrano per la settima volta ai Mondiali, ulteriore record, con predominio tedesco: 3 vittorie per la Germania (3-1 nel’58, 1-0 nel ’90 e 4-0 nel 2010), 2 pareggi (0-0 nel ’66 e 1-1 ai quarti di Germania 2006, qualificazione ottenuta dai tedeschi ai rigori) e una sola vittoria per l’Argentina, 3-2 nella rocambolesca finale di Messico ’86.

La vittoria per 7-1 contro il Brasile in semifinale rischia di essere un boomerang per la favorita Germania; delle quattro finali perse – altro record – in tre occasioni i tedeschi avevano eliminato dalla competizione la squadra padrona di casa: nel secondo girone a Spagna ’82, nei quarti a Messico ’86 e la Corea del Sud in semifinale nel 2002. La quarta finale persa dalla Germania risale al 1966 quando perse proprio contro l’Inghilterra padrona di casa. L’Argentina è invece “solamente” alla sua quinta finale. Oltre alle due con la Germania l’Albiceleste disputò la prima dei Mondiali perdendo 4-2 contro l’Uruguay nel 1930 e vincendo 3-1 ai supplementari in casa nel 1978 contro l’Olanda.

 

I NUMERI - Entrambe le squadre sono imbattute a Brasile 2014. L’Argentina non è però mai stata in svantaggio durante il torneo mentre la Germania è stata sotto per “ben” 8 minuti nella partita poi pareggiata contro il Ghana. Gli argentini inoltre non hanno ancora subito gol nella fase ad eliminazione diretta, mentre i tedeschi si presentano con il miglior attacco del torneo, 17 gol di cui 5 segnati da Thomas Müller, ad una sola rete da James Rodriguez nella classifica cannonieri. Se Müller dovesse aggiudicarsi il titolo di capocannoniere del torneo – in lavagna a 3.5 – sarebbe il primo giocatore al mondo a vincere questa classifica per due edizioni consecutive. Negli ultimi due Mondiali, l’attaccante del Bayern Monaco è sceso 12 volte in campo mettendo lo zampino in 16 gol – 10 marcature più 6 assist.

Ripercorrendo la storia recente delle finali dei Mondiali, da Italia ’90 in poi, 5 occasioni su 6 la partita è finita con un Under 2,5 gol, opzione oggi in lavagna a 1.5. In altrettante occasioni ha segnato solamente una delle due finaliste, unica eccezione la finale a noi più cara: Italia – Francia 1-1 a Germania 2006. Il No Goal – la scommessa che prevede che almeno una delle due squadre non segni durante i 90’ regolamentari – è quotata a 1.7.

Per la Finale Germania – Brasile Betfair.it ha preparato una promozione per i nuovi clienti: registrandosi su Betfair.it tramite il codice promozionale ZIT993 si avrà la possibilità di scommettere sulla Germania vincente ai Mondiali quotata a 5.0, fino a un massimo di €10.

 

LA FINALINA - Domani sera si giocherà la finalina per il terzo posto; nonostante la batosta in semifinale, la Seleção rimane favorita. La vittoria del Brasile nei 90 minuti è in lavagna a 2.1, quella dell’Olanda a 3.2 mentre il pareggio quota 3.7.  I brasiliani disputano la finale per il terzo posto per la quarta volta con 2 vittorie e una sconfitta come bilancio parziale. Nel ’38 vinsero 4-2 con la Svezia, nel ‘74 vennero sconfitti 1-0 dalla Polonia e nel ’78 ci batterono per 2-1. Per l’Olanda è invece la seconda partecipazione: a Francia ’98 venne sconfitta dalla Croazia per 2-1.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.