Log in

Il Mondiale russo all'atto finale: ecco i pronostici di scommesse Gioconewsplayer

  • Scritto da Gianni Carra

Ecco i pronostici Gioconewsplayer per le due finali dei Mondiali di Russia 2018 tra Francia e Croazia e Belgio e Inghilterra. 

Il Mondiale di calcio giunge all’ultimo atto, con le due finali, oggi sabato 14 luglio quella per il terzo posto, mentre domani si disputa la finalissima tra Francia e Croazia. La finale di oggi, ha sempre un valore statistico e a disputarla sono Belgio e Inghilterra.

Il Belgio ha dato il massimo contro la Francia in semifinale, ma soprattutto hanno disputato un ottimo torneo. Ora ai ragazzi di Martinez spetta il compito di chiudere il meglio.

L’Inghilterra è a sua volta stata battuta dalla Croazia, dopo essere passata in vantaggio, ed il morale non è dei migliori. Pronostichiamo la scommessa over 2.5, quota 1.60 prevedendo una partita aperta. 

Probabile Formazione Belgio
Courtois; Alderweireld, Kompany, Vertonghen; De Bruyne, Fellaini, Witsel, Dembele, Chadli; R. Lukaku, E. Hazard. 
Probabile Formazione Inghilterra
Pickford; Trippier, Stones, Maguire; Walker, Lingard, Henderson, Alli, Young; Sterling, Kane.
 
Domenica alle 17.00 Francia e Croazia si contenderanno la 21esima edizione della Coppa del Mondo. I francesi partono sicuramente favoriti dopo aver eliminato nazionali di lusso come Uruguay, Brasile e Belgio. La Croazia, arriva  dai match contro la Danimarca e Russia eliminate entrambe solo dopo la lotteria dei rigori, e la semifinale ai tempi supplementari in rimonta contro l’Inghilterra. I croati giocano per la storia, non avendo mai vinto la competizione. Ovviamente per i bookmakers la Francia di Didier Deschamps parte ampiamente con i favori del pronostico con quote tra 1.91 e 1.95, mentre la vittoria della Croazia viene pagata tra i 4.50 e 4.75, ed il pareggio nei novanta minuti a 3.40. Le quote per la vincente del mondiale, anche in altre modalità, supplementari o rigori, vede la Francia favorita a 1.45, mentre la Croazia si gioca a 2.90. Consigliamo il pareggio, perché la paura di perdere potrebbe essere più alta di quella di vincere, in un mondiale che di sorprese ne abbiamo viste tante.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.