Log in

Snai, Coppa Italia: la 'settima' dei biancocelesti a 1,85

  • Scritto da Redazione

Secondo Snai, la squadra di Inzaghi è favorita nel testa a testa tra Lazio-Atalanta (dato a 1,95): un ribaltone in gara vale 5,75.

Il miglior rendimento dell'Atalanta in campionato avvantaggia, seppur di pochissimo, la squadra di Gasperini, nelle quote sul risultato al 90'.

La maggior esperienza della Lazio in partite del genere mette i biancocelesti in una leggera posizione di favore nella scommessa secca su chi alzerà il trofeo nella finale di Coppa Italia.
 
Gli analisti Snai disegnano quindi un pronostico bilanciatissimo in vista della gara di domani sera all'Olimpico.
 
La squadra di Gasperini ha battuto la Lazio in entrambi gli scontri diretti di quest'anno in campionato e sta tenendo un ritmo forsennato (ha vinto cinque di gare di fila in tutte le competizioni e non perde da fine febbraio): è favorita a 2,65 per fare suo il risultato al 90', contro il 2,70 sugli avversari e il 3,35 sul pareggio.
 
La situazione si ribalta nella giocata su chi alzerà il trofeo: la squadra di Inzaghi, ha già vinto sei Coppe Italia ed è alla sua decima finale: il settimo trionfo è dato a 1,85, il secondo successo atalantino vale invece 1,95.
 
Dubbi sul risultato finale a parte, i trader Snai sono convinti che si assisterà a una partita vivace.
 
A fare da garante il prodigioso attacco nerazzurro, il migliore del campionato con 73 realizzazioni: ritenuti probabili, quindi sia l'Over (almeno tre gol complessivi) a 1,73, che il Goal (entrambe le formazioni a segno) ancora più giù a 1,57.
 
Sul versante spettacolare si affaccia anche un'altra scommessa, ossia quella sul ribaltone: la possibilità che una delle due vinca al 90' dopo essere stata in svantaggio è data a 5,75.
 
Andò così nell'ultimo scontro diretto, giocato sempre all'Olimpico meno di dieci giorni fa e vinto per 3-1 dalla squadra di Gasperini andata sotto dopo appena tre minuti.
 
La quota sale invece a 11 per una partita decisa ai tempi supplementari, ipotesi da non scartare considerando che ben due volte nelle ultime quattro finali di Coppa Italia si è dovuti arrivare al 120' per conoscere il vincitore.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.