Log in

Formula1 e MotoGp a rischio cancellazione per il 2020-2021

  • Scritto da Gt

A rischio cancellazione anche i campionati mondiali di Formula1 e MotoGp, ovviamente a causa della pandemia Covid-19. 

Ora a rischio cancellazione c’è anche l’intera stagione dei motori a livello planetario, e cioè, MotoGp e Formula1. La pandemia Covid-19 non guarda in faccia davvero a nessuno e, in queste ore, sta prendendo quota un’ipotesi che fino a qualche giorno fa sembrava remota: anche se ufficialmente resta l’ultima opzione e la speranza è quella di poter riaccendere i motori da fine giugno, le società che gestiscono i Circus a due e quattro ruote ora temono che tutta la stagione salti

Qualcuno conferma, a mezza bocca, altri lanciano l’ipotesi luglio ma l’incertezza, ancora regna sovrana e non è stato fatto ancora un calcolo preciso dei danni economici che ne deriverebbero. 

Questa la posizione di Dorna, la società che organizza l’evento e ne detiene i diritti economici: “La pandemia ha già portato a revisioni del calendario per la stagione in corso, monitoriamo da vicino la situazione, mantenendo aperti tutti i canali di comunicazione. L’obiettivo principale è sempre stato e rimarrà il tentativo di organizzare la stagione con il maggior numero possibile di gran premi, concludendo entro l’anno solare 2020”. Si sta alla finestra, comunque. Dipende tutto dal virus e da come continuerà a stare in mezzo a tutti noi. Gli ultimi gran premi ad essere stati rinviati, lo scorso 7 aprile, sono quelli del Mugello e della Catalogna. A questo punto in calendario la prima gara è prevista il 21 giugno al Sachsenring.

Per il momento Liberty Media, la società che gestisce il Circus, ha cancellato tutti i gran premi di Formula 1 fino a metà luglio, ovvero fino al Canada. A questo punto si sta pensando per compensare le perdite economiche a una profonda revisione dei costi. E intanto i team hanno deciso di abbassare il limite di bilancio 2021 da 175 a 150 milioni di dollari e la Fia avrebbe spinto per abbassarlo ulteriormente a 125 o 100 milioni.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.