Logo

Diritti tv Serie A, Codacons: 'Bene istruttoria Antitrust su Tim e Dazn'

Codacons promette cause risarcitorie contro le società su trasmissione campionato in tv: effetti negativi per tifosi, utenti e scommettitori

 

Se saranno accertati illeciti sul fronte della concorrenza il Codacons chiederà misure cautelari urgenti sulla trasmissione delle partite di Serie A sulla piattaforma Dazn e si farà promotore di una azione risarcitoria contro Tim e Dazn per conto di tutti gli utenti che hanno acquistato pacchetti per la visione delle partite di calcio.

Lo afferma l’associazione dei consumatori, commentando positivamente l’apertura di una indagine da parte dell’Antitrust sull’accordo tra le due società per il Campionato di calcio di Serie A nel triennio 2021-2024. Un tema, questo, che sta particolarmente a cuore a tutti gli appassionati di calcio e agli scommettitori, dopo che la vicenda dei diritti aveva acceso un dibattito generale sul tema.

Già nelle settimane scorse era stato denunciato il rincaro dei prezzi e una generale confusione in merito ai servizi offerti da Dazn ai vecchi clienti e ai nuovi abbonati – spiega il Codacons – e ora l’apertura dell’istruttoria dell’Antitrust conferma le tesi dell'organismo e i suoi timori circa gli “effetti distorsivi per la concorrenza che hanno conseguenze dirette per le tasche dei consumatori, portando a sensibili alterazioni delle tariffe”.

Pertanto, se saranno confermate irregolarità a danno di tifosi e utenti e – aggiungiamo noi, anche per gli scommettitori - il Codacons chiederà l’adozione di misure cautelari urgenti come la trasmissione delle partite in chiaro su Dazn, e si farà promotore di azioni risarcitorie a favore degli abbonati.

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.