Log in

Videogiochi, Persegati (Aesvi) “Quelli di calcio vanno per la maggiore, ma non sono i soli”

  • Scritto da Sara Michelucci

“Vecchio presidente, vecchia strategia”. Così il presidente di Aesvi, Andrea Persegati commenta a Gioconews.it il rinnovo della sua carica al vertice dell’associazione di categoria dell’industria dei videogiochi. “La nostra posizione rimane la stessa di sempre. Siamo focalizzati sull’Agcom per la battaglia che stiamo portando avanti sulla protezione del diritto d’autore e quindi attendiamo un'azione decisa contro la pirateria. L’altra posizione è la valorizzazione della creatività nel settore, con Games Week, e ovviamente l’attenzione sul mercato italiano, con l’ingresso di nuovi sviluppatori italiani di videogiochi nell’associazione”, aggiunge.

GAMES WEEK - Games Week, l’evento dedicato al mondo dei videogiochi, è ormai alle porte. Aprirà i battenti dal 25 al 27 ottobre e “vuole essere una grande festa, per tutti, non solo per i videogiocatori, ma anche per ragazzi e famiglie. Saranno presentate due nuove console, che arriveranno prima di Natale. L’evento sarà un’occasione di incontro per capire quanti e quali giochi mettere sotto l’albero. Sarà quindi un momento per le imprese di gioco di presentare le loro novità e i loro prodotti. Non sarà solo una fiera, ma una grande kermesse dove ci saranno arene su cui fare delle sfide; un corner riservato al Retrò Gaming; una parte rivolta ai più piccoli con laboratori organizzati insieme all’Università Cattolica per spiegare ai genitori il contenuto educativo dei videogiochi e comprenderne così il significato”, afferma.

Il Pegi a suo avviso resta uno strumento valido per la ‘selezione’ dei videogiochi? “Certamente – aggiunge Persegati – esso è la chiave di lettura del gioco”.

Quali sono i videogiochi che hanno più successo tra i giocatori e perché? “I videogiochi, come i libri, vanno a gusto personale. L’Italia è un paese dove il calcio è estremamente presente e quindi quelli basati su questo tipo di sport vanno per la maggiore, ma non sono i soli. Ci sono anche quelli sui cartoni animati o quelli d’azione che piacciono parecchio. Il videogioco ha avuto la sua affermazione proprio grazie alla sua capacità di avere un ampio spettro di contenuti e questo lo ha reso sicuramente il prodotto appetibile che è”.

L’industria dei videogiochi in Italia come sta andando? “E’ un settore dell'industria che sta crescendo, ma non è fotografabile al momento con dati generali”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.