Log in

Videogames, Aesvi: "Mercato italiano, in crescita mobile e online"

  • Scritto da Francesca Mancosu

In che direzione sta andando il mercato dei videogiochi in Italia? E quali saranno i titoli che incontreranno i favori del pubblico nella nuova stagione ormai alle porte? A fornire un quadro generale del panorama ludico italiano è Andrea Persegati, presidente dell'Aesvi - Associazione editori sviluppatori videogiochi italiani, intervistato da Gioconews.it.

"Nel 2014 - ricorda Persegati - su console fissa, oltre a Watch Dogs, che è stato la principale novità nella prima parte dell'anno, continuano a farla da padrone Fifa 14 e GTA 5, in attesa dei nuovi titoli in uscita nell'ultima parte dell'anno. Su console portatile i videogiochi che hanno registrato i risultati migliori in termini di vendite sono stati finora Tomodachi Life e Kirby Triple Deluxe. Su pc i videogiochi che hanno avuto maggior successo da inizio anno sono The Sims 4, Diablo III e Titanfall".

 

NUOVI TRAGUARDI PER GLI SVILUPPATORI - Per il futuro, assicura il presidente Aesvi, "gli sviluppatori stanno puntando molto sulla qualità dei giochi che vengono lanciati sul mercato. Da un lato il prodotto tende a massimizzare il più possibile le caratteristiche tecniche delle piattaforme per cui è sviluppato, dall'altro c'è una continua ricerca di nuove esperienze di intrattenimento, che nascono da nuove trame, nuovi metodi di narrazione, nuove modalità di interagire con gli utenti. Negli ultimi tempi c'è anche una crescente attenzione verso le produzioni indipendenti".

 

IL CONFRONTO CON L'ESTERO - Il presente vede il mercato italiano di settore in linea con i principali mercati europei "che vede una leggera flessione del segmento retail e uno sviluppo dei segmenti mobile e online. L'unico mercato che sta avendo una crescita consistente è quello inglese, trainato soprattutto dalla vendita delle console di nuova generazione, mentre in tutti gli altri mercati il processo di introduzione delle nuove piattaforme si sta sviluppando in maniera un pò più graduale".

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.