Log in

Regno Unito, meno tasse per chi crea videogames dalla trama 'patriottica'

  • Scritto da Redazione GiocoNews

Chi sviluppa videogiochi patriottici pagherà meno tasse. È questa l’idea ‘partorita’ dal governo britannico, come riporta il Wall Street Journal. Si parla di 158 milioni di euro in quattro anni per consentire ai videogame selezionati di esser prodotti con un costo del 20% inferiore rispetto alla media.

 

 

Sarà il British Film Institute (Bfi) a decidere quali giochi possono accedere alla sovvenzioni, attraverso fondi pubblici. Tutto grazie a un sistema di valutazione a punti, con un tetto massimo di 31 anche se, per avere qualche speranza, il minimo sindacale è arrivare a 16. Lo stesso British Film Institute alla fine del processo controllerà se il videogame ha mantenuto le promesse.

 

Si prendono quattro punti se il gioco è almeno in parte ambientato fra Gran Bretagna e Europa, altri tre se i personaggi principali sono nati in terra anglosassone, altri tre se la trama propone parte della storia europea, altri quattro se il soggetto è scritto da europei, due se riflette i valori inglesi.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.