Log in

Il videogioco Civilization V usato nelle scuole Usa per scopi didattici

  • Scritto da Redazione

Dall'autunno 2016 le scuole degli Usa utilizzeranno una versione modificata del videogioco Civilization V per studiare storia, economia e politica.

 

Nelle scuole del nord degli Stati Uniti dal prossimo autunno ci sarà un alleato di studio in più. Si tratta di CivilizationEDU, versione modificata per scopi didattici di Civilization V, popolare videogame strategico a turni in cui ogni giocatore guida una civiltà dalla preistoria fino all'era spaziale (in un ipotetico futuro), su mappe generate casualmente.


Secondo studiosi ed insegnanti il videogioco in questione sembra essere adatto per fornire "agli studenti gli strumenti per ragionare in modo critico sui grandi eventi storici del passato, di considerare e valutare le conseguenze delle loro decisioni economiche e inerenti lo sviluppo tecnologico, di confrontarsi con le riflessioni politiche e filosofiche e di verificare le correlazioni tra accadimenti militari, tecnologici, politici e socio-economici", ricorda lo studio produttore Take-Two Interactive.


CivilizationEDU è stato sviluppato dalla software house Firaxis Games insieme a GlassLab, società specializzata nella creazione di giochi per l'apprendimento che ha arricchito il titolo originario con strumenti di analisi e tracciamento per per permettere agli insegnanti di seguire passo passo i progressi dei
propri studenti.

 

"Negli ultimi 25 anni abbiamo riscontrato come i giocatori apprendessero mentre giocavano, e abbiamo sfruttato questo principio per rendere i Civilization più interessanti", afferma Sid Meier, creatore della serie nel 1991, dopo aver firmato tanti altri titoli a sfondo strategico-militare come F-15 Strike Eagle e Silent Service.

E intanto, a fine anno arriverà anche il nuovo capitolo del videogame vero e proprio: Civilization VI.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.