Log in

Videogame, Electronic Arts: 'Loot boxes, non è gioco d'azzardo'

  • Scritto da Redazione

Nonostante alcuni Paesi europei le abbiano vietate, per il produttore di videogame Electronic Arts le loot boxes non sono "gioco d'azzardo".

Di recente, la questione loot boxes, le casse premio dei videogame, è finita anche sul tavolo della Commissione Europea, che ha decretato: "Se i criteri di 'probabilità' e 'premio' sono rispettati, occorre notare che non esiste una legislazione settoriale dell'Ue sul gioco d'azzardo e gli Stati membri sono liberi disciplinare le attività di gioco d'azzardo fintantoché sono in linea con le norme sul mercato interno stabilite dal trattato e interpretate dalla Corte di giustizia dell'Ue".

 

Detto, fatto, e alcuni Paesi europei, da ultimo il Belgio, hanno subito deciso di vietarle, ritenendole "gioco d'azzardo". Una definizione che non va giù ad Electronic Arts, uno dei principali produttori di videogiochi per console, Pc e mobile, fra cui Battlefield Fifa, SimCity e Star Wars Battlefront.

Ea, attraverso il Ceo Andrew Wilson, sottolinea: "Non crediamo che le loot boxes Fifa Ultimate Team siano scommesse.
In primo luogo, i giocatori ricevono sempre un numero specificato di elementi in ciascun pacchetto Fut. In secondo luogo, non forniamo o autorizziamo alcun modo per incassare o vendere oggetti in valuta virtuale per denaro reale. Ci vietiamo il trasferimento di elementi di valuta in-game al di fuori, inoltre cerchiamo attivamente di eliminare ciò che accade in un ambiente illegale".
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.