Log in

Videogiochi, il gaming come professione: l'Aiv presenta i nuovi corsi

  • Scritto da Redazione

Chi vuole fare del gaming una professione, può partecipare alla giornata full immersion nel mondo del videogioco: l'Aiv apre le porte domenica 15 settembre per scoprire i nuovi corsi.

Ragazzi, studenti e genitori in fila, questa domenica 15 settembre (in via Alessandria 112 a Roma) per assistere alla presentazione dei nuovi corsi dell'Accademia italiana videogiochi, che dal 2004 forma le giovani generazioni e le avvicina al comparto dell'industria del videogioco in maniera professionale.

Perchè avere a che fare con i videogiochi può essere anche una professione.

L’Accademia italiana videogiochi (Aiv), il primo istituto italiano di alta formazione nel settore videoludico, aprirà nuovamente le sue porte domenica 15 settembre per accogliere tutti i ragazzi che desiderano conoscere più da vicino l’industria del gaming e tutte le opportunità ad essa connesse.
 
La giornata, suddivisa in due turni, la mattina dalle ore 10 e il pomeriggio dalle ore 15, darà ai ragazzi e ai loro genitori la possibilità di assistere alla presentazione generale dell’Accademia alla quale seguiranno poi le presentazioni dei diversi corsi e le dimostrazioni “live” dei lavori degli studenti, così da poter offrire una panoramica delle attività che vengono svolte durante l’anno.
 
Inoltre i partecipanti potranno confrontarsi direttamente con i docenti sulle opportunità lavorative offerte dalla gaming industry e su tutti i servizi offerti dall’Accademia.

Fondata nel 2004 da Luca De Dominicis, l’Accademia italiana videogiochi offre corsi di grafica 3D, programmazione per videogiochi e game design, ai quali recentemente si è aggiunto il master di I livello in musica per videogiochi in collaborazione con il conservatorio di Santa Cecilia.
 
L’offerta formativa di Aiv è rivolta a tutti i ragazzi interessati a lavorare nella gaming industry, un settore che negli ultimi anni ha registrato una crescita esponenziale non sono all’estero, ma anche in Italia.

Tutti i programmi didattici sono costantemente aggiornati per tener conto delle esigenze del settore. Secondo il metodo di apprendimento che da sempre distingue l’Accademia italiana videogiochi, le lezioni hanno un approccio pratico che permette agli studenti di toccare fin da subito con mano tutti gli aspetti legati alla creazione di un videogioco.
 
Anche quest’anno, inoltre, non mancheranno lecturese masterclass sugli argomenti più tecnici e innovativi che saranno tenute da professionisti del settore, sia italiani che internazionali, ed ex alunni: un’occasione in più per gli studenti Aiv che avranno la possibilità di confrontarsi direttamente con i migliori professionisti sul mercato.
 
“Quest’anno sarà ricco di novità” - ha dichiarato Luca De Dominicis, fondatore dell’Accademia italiana videogiochi.
 
“Abbiamo in cantiere diversi progetti e puntiamo a migliorare ancora di più la qualità dell’offerta didattica e formativa, grazie anche a collaborazioni eccellenti. Da quindici anni ci impegniamo a creare esperienze sempre più uniche e altamente professionalizzanti per i nostri ragazzi, avendo come obiettivo quello di offrire loro tutti gli strumenti possibili per entrare con successo nell’industria videoludica”.
 
Ricordiamo infine che la partecipazione all’Open Day del 15 settembre è gratuita e per accedervi è necessario compilare il semplice form.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.