Log in

Facebook Gaming si fa strada tra Twitch e Youtube tra gli streamer

  • Scritto da Ca

Facebook Gaming si fa largo tra Twitch e Youtube nello streaming dei videogiochi ma in crescita anche i talk show degli streamer.

Twitch rischia di perdere il controllo sullo streaming dei giochi rispetto a qualche anno fa. Tutta "colpa" di Facebook Gaming in particolare che sembra essere in costante aumento. Nel dicembre 2019, aveva una quota di mercato dell'8,5 percento (ovvero il tempo totale trascorso dalle persone a guardare i servizi, Mixer e YouTube Gaming) rispetto al 3,1 percento dell'anno precedente, secondo i dati di StreamElements e Arsenal.gg. Ciò rappresenta un aumento del 210 percento delle visualizzazioni mensili anno su anno a poco più di 102 milioni di ore visualizzate.

Vale la pena notare che la quota di mercato è una metrica relativa e sono in gioco una serie di fattori, tra cui un pubblico generale più ampio su questi servizi: gli spettatori hanno guardato 1,19 miliardi di ore su tutti e quattro a dicembre, rispetto a 1,06 miliardi di un anno prima. Il rapporto suggerisce che la crescita di Facebook Gaming è in gran parte dovuta agli streamer esistenti che costruiscono il loro pubblico e ai nuovi volti che disegnano grandi numeri. In media, gli streamer di giochi di Facebook hanno trasmesso il 63 percento in più di ore l'anno scorso rispetto al 2018, il che ha anche contribuito ad aumentare il numero di spettatori.

Twitch è di gran lunga il più grande player nello streaming di gaming, almeno tra i servizi occidentali. Ma nonostante le ore di osservazione siano passate da 715,6 a 728 milioni su base annua, la quota di mercato di Twitch è scesa dal 67,1 al 61 percento. Al giorno d'oggi, si potrebbe sentire un po 'più la tensione della competizione. Le informazioni di questa settimana hanno riferito che le entrate pubblicitarie di Twitch non stanno crescendo così rapidamente come sperava.

YouTube Gaming è il secondo servizio di streaming di giochi più grande dopo Twitch, ma aveva quasi la stessa quota di mercato alla fine del 2018 (era solo dello 0,4 per cento al 27,9 per cento). Questo nonostante abbia quasi 30 milioni di ore di visualizzazione in più rispetto all'anno precedente.

Nel frattempo, sebbene abbia raccolto alcuni streamer di grandi nomi da Twitch, la quota di mercato di Mixer non è cambiata significativamente nel corso dell'anno, secondo il rapporto. È passato dal 2 al 2,6 percento, anche se le ore di visualizzazione sono passate da 24,4 a 31,1 milioni. Tuttavia, è relativamente presto per i suoi nomi di star - artisti del calibro di Tyler "Ninja" Blevins e Michael "Shroud" Grzesiek sono stati su Mixer per pochi mesi.
Altrove, per la prima volta a dicembre, un gioco non era la categoria più vista su Twitch. L'onore è andato a Just Chatting, dove gli streamer, stranamente, si ritrovano e parlano con i loro spettatori. StreamElements e Arsenal.gg affermano che gli spettatori hanno guardato quasi 81 milioni di ore di questi stream a dicembre, rispetto a 74,1 milioni di ore per League of Legends e 58,3 milioni per Fortnite.
 
L'ascesa di Just Chatting riflette l'appello di Twitch oltre il gioco, qualcosa che ha cercato di sostenere negli ultimi anni. Detto questo, non significa necessariamente che le persone si sintonizzino per guardare gli streamer parlare per ore e ore. Alcuni dei nomi più grandi, come Felix "xQc" Lengyel (lo streamer Twitch più visto nel Q4, secondo il rapporto) e Tim "TimTheTatman" Betar, spesso iniziano le loro trasmissioni parlando con gli spettatori e guardando YouTube prima di entrare nei giochi . Tuttavia, sottolinea il fatto che le personalità piuttosto che i giochi stanno guidando il pubblico in streaming, rendendo la battaglia per bloccare i talenti una delle principali preoccupazioni per i vari servizi.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.