Log in

I videogame raccontano le bellezze d'Italia con gli Iviprodays

  • Scritto da Redazione

Dal 24 al 27 settembre, quattro giorni di lecture, interviste e tavole rotonde online dedicate al videogame come strumento di promozione del territorio e del patrimonio culturale italiano: gli Iviprodays.

Il videogioco può essere uno strumento di promozione del territorio e del patrimonio culturale?

La risposta sottesa a questa domanda è decisamente sì, stando agli organizzatori degli Iviprodays, l'associazione Italian videogame program, nata per “mappare” il territorio italiano e le sue ricchezze in chiave videoludica.

L'edizione 2020 della kermesse, che quest'anno sarà online per ovviare alle restrizioni imposte dall'emergenza Covid-19, è in programma dal 24 al 27 settembre, con quattro giornate ricche di lecture, interviste e tavole rotonde online tenute da professioniste/i e rivolte a istituzioni culturali, enti locali, musei, associazioni, studi di sviluppo, studenti e studentesse.

Il motivo ispiratore è sempre lo stesso: la constatazione che il videogioco – al pari di altri mezzi di comunicazione – ha un incredibile potere in termini di coinvolgimento emotivo. Come il cinema e la letteratura, il videogioco è veicolo di storie e narrazioni che mescolano fiction e realtà; è uno strumento creativo al servizio degli autori e a uso e consumo dei giocatori: una formidabile macchina dell’immaginario.

 
Il programma dà spazio anche ad eventi speciali e ad una virtual exhibition, che ospita immagini e artwork (alcuni dei quali completamente inediti) provenienti da videogiochi ambientati in Italia o legati alla cultura italiana.
Sabato 26 settembre, durante l'Intervallo Ivipro, l'Italia nei videogiochi sarà musicata in diretta streaming dal compositore e musicista Luca Maria Baldini. 
 
IL PROGRAMMA
Giovedì 24 settembre
  • 18:30 – Cultural Gaming The Story of Mulaka (Guillermo Vizcaino)
  • Venerdì 25 settembre
    10:30 – The Art of Building Virtual Cities (Konstantinos Dimopoulos)
    15:00 – An Interview with Valentina Paggiarin e Giacomo Talamini
    18:30 – Prisme7: The Pompidou Centre’s First Video Game (Olivier Mauco e Abdel Bounane)
  • Sabato 26 settembre
    11:00 – Paesaggi sonori e nuove drammaturgie musicali (Marta Ascari)
    17:30 – Intervallo Ivipro: L’Italia nei videogiochi musicata in diretta streaming dal compositore e musicista Luca Maria Baldini
    18:30 – This War of Mine Writing with Foresight (Wojciech Setlak)
  • Domenica 27 settembre
    15:00 – An Interview with Simona Mairano
    17:30 – Territori, istituzioni e videogiochi ai tempi del Covid-19 (Farah Polato, Luca Roncella, Francesco Cavallari)
Share