Log in

Twitch, se non sai giocare 'Sei vergine': espressione vietata, scatta il blocco

  • Scritto da Redazione

Dal 22 gennaio 2021 vietato l'utilizzo di certe parole sulla piattaforma streaming di videogiochi Twitch: chi non rispetta le regole, subisce la chiusura del proprio canale.

Simp, vergine, incel, negro, sono alcune delle parole proibite su Twitch. La piattaforma streaming utilizzata soprattutto per i videogiochi, ha diffuso sul proprio sito il nuovo regolamento che entrerà in vigore dal prossimo 22 gennaio (alle 10, orario del Pacifico), teso ad eliminare ogni forma di insulto tra gli streamers, collegati a decine e decine di milioni ogni mese.

"Twitch - si legge - è uno spazio in cui le persone possono creare e partecipare all'interno di community che condividono i loro interessi. Il nostro desiderio è che chiunque possa esprimersi su Twitch, ma è importante che ciò accada secondo modalità che permettano a tutti di farlo. La priorità di Twitch è di ridurre al minimo i danni alla libertà di espressione dei nostri utenti, ma limiteremo alcune espressioni con l'obiettivo di prevenire e moderare i comportamenti volti all'odio e le molestie e proteggere gli utenti da tali manifestazioni".

La piattaforma di proprietà del colosso Amazon, ha stilato dunque un nuovo decalogo di comportamenti da evitare, pena la chiusura del proprio canale streaming. Tra le espressioni vietate c'è anche "Sei vergine", utilizzato dai giocatori più esperti per sottolineare come un altro sia solo un principiante.

"Twitch - si legge sul sito - non consente comportamenti motivati da odio, pregiudizio o intolleranza, compresi quei comportamenti che promuovono o incoraggiano discriminazioni, denigrazioni, molestie o violenze basate sulle seguenti caratteristiche protette: razza, etnia, colore, casta, origine nazionale, status di immigrato, religione, sesso, genere, identità di genere, orientamento sessuale, disabilità, grave condizione medica e status di veterano".

Atteggiamenti, come è facilmente intuibile, che passano non solo per il linguaggio in chat ma anche per i contenuti foto/video trasmessi tramite piattaforma.

I contenuti e le attività sessualmente espliciti, quali pornografia, atti sessuali e servizi di natura sessuale, tra cui adescamento e offerte di tali contenuti, sono vietati. La trasmissione in aree dove possano verificarsi scene di nudità o attività di natura sessuale, anche se tali comportamenti o attività non sono controllati dall'emittente o si svolgono sullo sfondo della trasmissione, è vietata.

Share